Translate

mercoledì 30 ottobre 2013

"Regalami una favola" - Hester Browne


Editore GARZANTI LIBRI
Pagine 441
Prezzo 16,40 EURO
Prezzo ebook 9,99 EURO
Anno prima edizione 2013
Genere: Romanzo rosa

Amy ha ventiquattro anni e ormai ha capito di essere più brava con le piante che con i ragazzi. Con i fiori è tutto più facile: sa perfettamente che mix di colori scegliere per dare nuova vita a un giardino. Ma far colpo su qualcuno è molto più complicato. Ogni volta che parla con un uomo il viso di Amy assume la sfumatura dei gerani rossi in primavera e la sua bocca farfuglia frasi insensate. Il suo sogno di vivere un amore da favola sembra essere irrealizzabile. Ma durante una festa, in cui come al solito se ne sta in disparte, Amy incontra due occhi azzurri come petali di un fiordaliso. È amore a prima vista. Leo è il ragazzo che tutte sognano, e, anche se sembra quasi impossibile, ha scelto proprio lei. Con la scusa di farle ristrutturare il suo giardino al centro di Londra, la corteggia con il romanticismo di un vero gentiluomo. Passano solo pochi mesi e Leo è pronto per farle la proposta che ogni donna aspetta: le chiede di sposarlo regalandole un anello di diamanti che brilla come un intero cielo stellato. Amy non riesce a credere che la sua favola d'amore si stia realizzando. Eppure la strada per la felicità è tutta in salita. Leo non è il semplice ragazzo che Amy crede: è un vero principe, erede al trono. Il suo mondo è fatto di ricevimenti sfarzosi e serate di gala. Per stare accanto a lui Amy deve decidere se è pronta a disegnare una nuova sé stessa rinunciando a quello che è sempre stata. E più di tutto, deve decidere se è pronta ad essere sincera fino in fondo.







Da dove iniziare?
C'era una volta un principe bello e ricco, un giorno, ad un party in maschera, incontra la giardiniera più bella di tutte.
Sembra una storia un pò bislacca e sotto alcuni punti di vista banale, ma posso assicurarvi che è tutt'altro che scontata.
L'inizio della storia non è dei più promettenti ma una volta ingranata la marcia, il romanzo prosegue sciolto il suo percorso, facendovi sempre di più innamorare dei due protagonisti.
La storia parla di Amy, una ragazza di 24 anni, giardiniera, con un segreto doloroso che verrà svelato solo alla fine del libro. Questa è l'unica fonte di suspense del libro perchè poi la storia segue il profumo agrodolce dell'amore.
Amy, per puro caso, durante una festa in maschera organizzata dalla sua espansiva coinquilina, si imbatte in un bellissimo principe di nome Leo. Tra loro è amore a prima vista e lui, dopo averle fatto risistemare il suo giardino, è pronto per farla diventare la sua regina MA! (non poteva mancare il ma), l'oscuro segreto di Amy torna a riemergere dall'oscurità per rovinarle ancora una volta la vita.
Come va a finire? Io l'ho letto, ora tocca a voi!
Il libro, in generale, non è male.
Alcune espressioni nel libro lasciano un pò perplessi, ma nel complesso, i termini usati sono semplici e perfettamente compressibili.
Una storia, quasi favola, che vi attirerà a sé grazie al suo charme, alla sua storia d'amore e allo stupefacente segreto sulla misteriosa sorella di Amy che vi accompagnerà fino alla fine (un pò snervante, lo devo ammettere).
Un amore principesco, giardini stupendi, un fratello esuberante, un finale a sorpresa e una grande voglia di essere, semplicemente, la persona più normale del mondo.
Un libro che merita:
4 stelle su 5
                                                
Alcuni frasi dal libro:

- "Columbia Road era il punto più a est in cui questa ragazza di Chelsea avesse il coraggio di spingersi senza scorta armata e cartina geografica."

- "Se c'è una cosa che la mia ridicola famiglia mi ha insegnato, è che non bisogna mai ignorare le ragioni del cuore. Alla lunga, si rivela sempre molto più saggio della testa."

- "Da qualche parte, chissà dove, un orologio si era messo a scorrere all'indietro, un lento secondo alla volta."

- "Mi sembrò che le nostre anime combaciassero alla perfezione, come una chiave dentro alla serratura."

- "Piccole tasche d'amore e di promesse sussurrate come le margherite e i ranuncoli che sbucano nelle fessure dei marciapiedi."

sabato 26 ottobre 2013

"Sissi" - Brigitte Hamann


Editore TEA
Pagine 407
Prezzo 10,00 EURO
Anno prima edizione 2011
Genere: Biografia - Storia

Sposa a diciassette anni di Francesco Giuseppe, Elisabetta di Wittelsbach ("Sissi") abbandonò le foreste della Baviera per il mondo dorato e soffocante della corte di Vienna. Coraggiosa e fragile, malinconica ed eccentrica, Sissi non volle accettare nessuno dei ruoli che la tradizione e l'ambiente le assegnavano.
L'intera sua vita, interrotta nel 1898 dal pugnale di un anarchico, fu di sottrarsi al destino di "gabbiano prigioniero del castello", una fuga continua dai rituali e dal formalismo della vita di palazzo. Desiderando essere qualcosa di più della consorte di un imperatore, di affermare in ogni modo la propria individualità, Sissi fece di sé una donna speciale. Amazzone provetta, eccelse nei tornei di caccia; poetessa dilettante lasciò oltre cinquecento pagine di versi; giovane splendida, riuscì a trasformare la propria bellezza in un mito ineguagliabile. Nella biografia della Hamann, che ha dedicato a Sissi anche un volume fotografico, rivive una donna di sensibilità e intelligenza straordinarie, una sovrana anomala e sognatrice, condannata a un destino di infelicità.






E' arrivato il momento di dedicarci un pò alla storia.
Da sempre affascinata dal mito della bellissima imperatrice d'Austria, ho acquisto un libro che narra la sua storia.
La scrittrice tratta abilmente di tutti gli aspetti che hanno contribuito a rendere questa ragazzina di appena sedici anni, un'imperatrice amata dal popolo e odiata oltre misura dall'aristocrazia viennese.
Il viaggio di una fanciulla ammirata in tutto il mondo per la sua bellezza, la sua fobia delle folle, una suocera troppo impicciona e un destino che la ha dato tutto e proprio per questo le ha tolto la cosa a lei più preziosa: la felicità.
L'imperatrice Elisabetta d'Austria e Ungheria è passata alla storia per la sua straordinaria bellezza ma anche per le sue numerose stranezze. Passeggiate alle 3.00 di notte, sotterfugi stravaganti per fuggire gli sguardi curiosi delle persone, cavalcate estenuanti al limite della sopportazione fisica e molto altro.
Una vita vissuta nel rimpianto, l'amore incondizionato per l'ultima figlia Valeria e una costante fuga dalle fredde bellezze aristocratiche di Vienna.
Un'imperatrice, una poetessa, una madre ed una moglie che per tutta la vita non ha fatto altro che scappare alla ricerca disperata della libertà.
Un libro completo, che tratta ogni aspetto della vita dell'Imperatrice Sissi, completo di date, episodi privati e pubblici, con estratti delle poesie composte dall'augusta Signora in persona.
Per il linguaggio semplice, per le descrizioni dettagliate, per i numerosi fatti raccontati, questo libro sulla storia dell'Imperatrice Elisabetta, merita:

5 stelle su 5
                                           

Ecco alcune frasi dal libro:

- Sissi: "Voglio tanto bene all'imperatore! Se solo non fosse imperatore!"

- "I titoli, gli onori, i soldi: tutte queste considerazioni non contavano minimamente agli occhi della giovane Elisabetta. "

- Contessa Festetics: "Bellezza! Grazia! Gentilezza! Distinzione! Semplicità! Bontà! Nobiltà d'animo! Spirito" Senso dell'umorismo! Arguzia! Perspicacia! Intelligenza! (...) perché tutto si è rivolto contro di te, persino la tua bellezza ti dovrà solo sofferenze e il tuo spirito nobile s'inoltrerà così lontano finché non ti farà imboccare il sentiero degli errori."

- "Tanti compiangono Francesco Giuseppe per la vita solitaria che era costretto a fare e tutti criticavano con altrettanta intensità Elisabetta."

- Contessa Festetics: "Lei non sa apprezzare in misura sufficiente il fatto di essere un'Imperatrice! Non ha afferrato il lato bello, esaltante della sua posizione perché nessuno glielo ha fatto vedere. Ne sente solo l'ombra fredda, ma non ne vede la luce, cosicché i suoi sentimenti non si accordano con il mondo che la circonda e in una situazione come questa è impossibile che regnino la tranquillità, la pace, l'armonia."

- Maria Larisch: "Elisabetta era innamorata dell'amore perché questo rappresentava per lei il fuoco della vita. Per lei, la sensazione di essere adorata era un tributo che spettava alla sua bellezza."

- Maria Valeria: "Com'è strana la vita di mia madre; con il pensiero è ricolta al passato, con le aspirazioni al lontano futuro. Il presente è per lei un'ombra, e ciò che la inorgoglisce maggiormente è il fatto che nessuno s'immagina che sia poetessa."

- Carmen Sylva: "(...) Non voleva essere nulla per il mondo, neppure dell'agonia. Voleva essere sola e lasciare il mondo alla chetichella, quel mondo nel quale aveva peregrinato tanto cercando la tranquillità, sempre animata dall'irrequieto desiderio di raggiungere qualcosa di più alto, di più perfetto."

domenica 20 ottobre 2013

"Jane e la disgrazia di Lady Scargrave" - Stephanie Barron


Editore TEA
Pagine 315
Prezzo 12,00 EURO
Prezzo ebook 8,99 EURO
Anno prima edizione 2008
Genere: Giallo storico

In visita presso l'amica, la bellissima e giovane Isobel Payne, Contessa di Scargrave, Jane Austen è testimone di una tragedia: il Conte Frederick, marito di Isobel, colto da improvviso e inspiegabile malore, muore in poche ore. La scomparsa prematura del marito, dopo tre soli mesi di matrimonio, getta la povera Isobel nella più cupa disperazione. Tuttavia la vedova scopre ben presto che non si tratta che
dell'inizio delle sue disgrazie: di li a breve infatti una misteriosa missiva la raggiunge, nella quale sono contenute oscure minacce e la duplice accusa di omicidio e di adulterio. Terrorizzata, Isobel invoca l'aiuto di Jane, la sola di cui si può fidare, ma soprattutto l'unica, tra i presenti al castello nella notte della tragedia, che non tragga alcun vantaggio dalla morte di Lord Scargrave. Contando sulle sue ben note doti di comprensione dell'animo umano, Jane si trova così coinvolta in una pericolosa indagine che la porterà a varcare nientemeno che i cancelli della prigione di Newgate e persino la soglia della Camera dei Lords, arrivando a mettere a repentaglio la sua stessa vita.







La storia che si cela dietro a questo libero è assai singolare.
Durante una visita ai suoi amici, la scrittrice Stephanie Barron, per puro caso, si imbatte in una serie di manoscritti attribuibili a Jane Austen.
I proprietari di casa, gli amici della scrittrice, erano lontani parenti della famosa Jane Austen e proprio tra le antiche mura della loro dimora, trovarono vecchie pagine ingiallite scritte dalla Austen.
I manoscritti vengono affidati a Stephanie Barron che li trasforma in questo magnifico giallo che vede la stessa Austen come protagonista.
In questo volume, Jane Austen è in visita dall'amica Lady Scargrave, da poco sposata ad un ormai anziano conte. Sono appena tornati dal loro viaggio di nozze e proprio durante una festa, il conte, rende vedova la moglie Isobel.
Se non fosse per un messaggio anonimo, il decreto sarebbe morte accidentale, causata dal lauto banchetto festivo.
Le indagini hanno inizio e sembra proprio che tutto conduca proprio verso la moglie del defunto.
Incapace di lasciare l'amica nel momento del bisogno, Jane approfitta ancora un pò dell'ospitalità dell'amica e si dimostrerà molto utile nelle indagine sulla morte sospetta del conte.
Gli omicidi aumentano assieme agli indizi e la vedova Scargrave, assieme al nuovo conte Fitzroy Payne, è sempre più nei guai. Jane, incapace di assistere inerme alle accuse contro l'amica e il conte, si mette in azione per scagionarli.
Un'avventura alla ricerca della verità, tra inganni, delitti e trabocchetti, ce l'ha farà l'arguta Jane Austen a scoprire la verità?
Leggete e lo scoprirete, io mi limito a dirvi che il libro, per le eccelse descrizioni, i suoi enigmi ed i suoi personaggi, merita:

    4 su 5 stelle
   
Alcune frasi dal libro:

- "Fitzroy è il vero compagno della mia anima, Jane. I nostri pensieri sono un solo pensiero e, quando non abbiamo la possibilità di parlare, scambiarci uno sguardo è sufficiente a sostituire un'intera conversazione."

- "Lord Harold si avvicinò al caminetto e rimase immobile a scrutare le fiamme, la cui luce guizzante accentuò i lineamenti del suo viso, sprofondando i suoi occhi nell'ombra, tal ché la sua espressione divenne, se possibile, ancora più remota e imperscrutabile. "

- "Restammo tutti come storditi. Allorché un individuo per natura tranquillo si abbandona alla veemenza delle emozioni, sembra che la terra stessa si scuota, e la veemenza delle parole del conte fece tremare Scargrave Manor."

- "In passato ho dichiarato che avrei preferito trascorrere un'ora in compagnia di un furfante, piuttosto che due minuti in compagnia di un individuo noioso. Ebbene, ancora una volta il mio gusto si dimostra infallibile."

giovedì 3 ottobre 2013

"Il profeta" - Kahlil Gibran


Editore GIUNTI DEMETRA (NUOVI ACQUARELLI)
Pagine 128
Prezzo 4,50 EURO
Prezzo ebook 1,49 EURO
Anno prima edizione 2006
Genere: Classico 

Dopo alcuni anni trascorsi in terra straniera, Almustafa (ovvero l'eletto di Dio), sente che è giunto il momento di fare ritorno all'isola nativa. In procinto di salpare egli affida al popolo della città di Orphalese un prezioso testamento spirituale: una serie di riposte intorno ai grandi temi della vita e della morte, dell'amore e della fede, del bene e del male.

Una lettura breve ma intensa.
Il libro parla Almustafa, un profeta che sta per lasciare la città di Orfalese in cui è vissuto dodici anni. Sta per salpare verso l'isola dov'è nato, ma prima di abbandonare Orfalese, dà un ultimo saluto alla gente del posto.
Uno alla volta, la gente del luogo, pone domande al profeta. Gli domandano delle leggi, dell'amore, dell'amicizia, della passione, della religione, delle gioie e dei dolore e a tutti lui da una risposta.
I libro però ha anche una seconda parte, intitolata "Sabbia e Schiuma", nella quale sono unite massime filosofiche su vari argomenti.
Il libro, di per sé, non è scritto male anche se su qualche argomento trattato ci sarebbe da qualcosa ridire. In ogni caso, il linguaggio non è complicato ma i contenuti meritano di essere assimilati con attenzione.
Non è una lettura del tutto facile e perciò inadatta se cercate una lettura rilassante.
Al libro assegno:
3 su 5 stelle

Ecco delle frasi dal libro:

- "Amatevi l'un l'altro, ma non rendete schiavitù l'amore: sia piuttosto un mare che si muove tra le rive delle vostre anime."

- "I vostri figli non sono figli vostri. Sono i figli e le figlie della brama che la vita ha di se stessa."

- "Voi godete nell'emanare leggi, ma più ancora godete a trasgredirle."

- "Voi date poca cosa dando ciò che possedete. E' quando date voi stessi che date veramente."

Dal capitolo "Sabbia e Schiuma"

- "Tu e il mondo in cui vivi non siete che un granello di sabbia sulla spiaggia infinita di un mare infinito." In un sogno rispondo: "Io sono il mare infinito, e ogni mondo non è che un granello di sabbia sulla mia spiaggia."

- "Le parole sono senza tempo. Dovresti scriverle o pronunciarle nella consapevolezza della loro eternità."

"Il titolo di questo libro è segreto" - Pseudonymous Bosch


Editore MONDADORI (collana I GRANDI)
Pagine 306
Prezzo 16,00 EURO
Anno prima edizione 2008
Genere: Fantasy 

Se questo fosse il riassunto di un libro normale direi che questo romanzo è assolutamente fantastico. E avvincente! (Anche se, a leggere le copertine, tutti i romanzi sono fantastici e avvincenti.) Vi racconterei del destino di una scatola che contiene le fialette di 99 odori per comporre una "Sinfonia dei Profumi". Vi descriverei le avventure di due giovani e coraggiosi eroi, Cassandra e Max-Ernest, scappati di casa alla
ricerca di un mago scomparso in strane (e inquietanti) circostanze. Vi accennerei a codici da decifrare, rapimenti in istituti di bellezza e misteri egizi. Ma, tristemente, non posso dirvi nessuna di queste cose: potrebbero invogliarvi a leggere il libro. E non è il caso: se il titolo di questo libro è segreto, la sua storia lo è ancora più. Perché racconta di un segreto che tormenta persone come voi da più di... oh no! Ho parlato del segreto? Allora ormai è troppo tardi! Ho paura che nulla vi fermerà a questo punto. Aprite il libro, se proprio dovete. Ma per favore, non ditelo a nessuno.






Ho comprato questo libro in un mercatino ai Lidi all'esorbitante prezzo di: 1 euro!
Già dal titolo si capisce di che stampo è fatto questo libro.
Il libro racconta la straordinaria avventura di Cassandra, ragazzina di 11 anni, esperta survivalista che si ostina a voler predire il futuro, o per meglio dire le catastrofi.
Accanto a lei, il prodigioso esperto di indovinelli e futuro cabarettista: Max-Ernest, anch'esso 11 anni.
Assieme si imbatteranno nella casa di un mago apparentemente deceduto e si scontreranno con boccette di profumo, ragazzi in grado di unire i loro sensi formandone uno perfetto, medici centenari e donne bellissime con le mani rugose.
Un avventura che ti terrà con il fiato sospeso fino alla fine, grazie all'abilità dello scrittore di incuriosire così tanto il lettore da fargli venire voglia di saltare le pagine per arrivare dritto alla fine.
Una storia intrigante, affascinante, con un'impaginazione divertente e in linea con il testo.
Un modo di scrivere esilarante e grandioso. Un libro straordinario con un grande dono: incantare il lettore con la sua fantastica storia.
Leggerlo è stato un vero piacere e per questo e per l'abilità dello scrittore, assegno al libro:
 5 stelle su 5
                         
Alcune frasi dal libro:

- "(..) Questo è un libro molto pericoloso. (..) riguarda un segreto. Un grande segreto. (..) Sì, questa storia riguarda un segreto. Ma è anche una storia segreta."

-" (..) quando leggete questo libro, vi consiglio di dimenticare tutto nell'istante stesso in cui lo leggete. Se siete di quelle persone che riescono a leggere a occhi chiusi, fatelo."

- "Certi segreti son fatti per rimanere tali ... ma una volta conosciuti, ahimè, mai più si possono dimenticare."

mercoledì 2 ottobre 2013

"Il mistero dei giardini di Hampton Court" - Julia Stuart



Editore CORBACCIO
Pagine 359
Prezzo 18.60 EURO
Anno prima edizione 2013
Genere. Giallo

Quando la principessa Alexandrina, detta Minky, si ritrova senza un soldo in tasca in seguito alla morte del padre, il Maraja del Punjab, la regina Vittoria le concede un appartamento all'interno del palazzo di Hampton Court, dimora di tante vedove di ufficiali e di aristocratici decaduti. Ad Alexandrina non resta che accettare, benché la residenza a quanto pare è infestata dai fantasmi, e porta con sé la fedele governante
Pooki. A parte i fantasmi la vita non è così male e la principessa fa amicizia con una serie di eccentrici quanto simpatici personaggi fra cui tre vedove che la invitano al tradizionale picnic di Pasqua dei residenti di Hampton Court, per il quale Pooki cucina un pasticcio di piccione. Ma il generale Bagshot muore all'improvviso proprio dopo aver assaggiato il pasticcio e nel suo corpo vengono trovate tracce di arsenico: ce n'è abbastanza per incriminare Pooki e per gettare nella disperazione Alexandrina che tuttavia non si arrende all'evidenza dei fatti e incomincia a indagare per conto suo, scoprendo molte verità scomode sui suoi vicini di casa che, per una ragione o per l'altra, avrebbero avuto tutti ottimi motivi per far fuori il vecchio generale.






L'inizio è promettente, si apre con la lista e la descrizione di tutti i personaggi del libro. Decisamente essenziale per seguire al meglio la trama.
A susseguirsi una meravigliosa cartina di Hampton Court Palace, residenza nella quale si svolge la maggior parte del romanzo. Nella cartina, minuziosamente disegnata, inoltre, compaiono anche gli amici a quattro zampe e il poco appetitoso pasticcio di piccione che darà vita alla nostra caccia all'assassino.
Ma addentriamoci nella storia, ora.
Il nostro racconto ha inizio con un lutto. Il maharaja muore, in circostanze non del tutto usuali, lasciando la figlia, Visù, senza un soldi e ricoperta da debiti.
E' proprio a causa dei debiti, che Visù deve vendere il palazzo e trasferirsi nella tenuta che la regina d'Inghilterra le ha concesso gentilmente come abitazione in comando vitalizio.
La residenza è a Hampton Court Palace, una reggia abitata da vedove in ristrettezza economica, i cui mariti si sono distinti nel servizio militare o imperiale. Ogni abitazione viene concessa dalla regina tramite il Lord Ciambellano che, proprio a causa del ruolo ricoperto, è costantemente sommerso dalle lettere di richieste che gli abitanti di Hampton Court gli mandano.
La principessa Visù, si trasferisce così a Wilderness House con la sua cameriera: Pooki, l'unica domestica rimastele.
Appena arrivata, viene messa subito a conoscenza dei pettegolezzi del posto dalla signora Boots, l'odiata custode che ce l'ha a morte con gli animali dei residenti.
Tra vicini eccentrici, animali segreti, litigi e orologi eccezionali che segnano il tempo della morte, Visù impara ben presto a conoscere gli altri abitanti di Hampton Court.
Arriva aprile e con esso l'annuale picnic di Pasqua nel quale, ogni partecipante, deve portare qualcosa da mangiare. A Visù, viene suggerito di portare il pasticcio di piccione che, prontamente, Pooki, prepara. L'esito non è dei migliori, anzi, l'unico a mangiarlo sarà il generale Bagshot che dopo poche ore, muore.
Un attacco di dissenteria, disse il dottore e si procedette, prontamente, con il funerale.
Una morte accidentale che grazie ad un biglietto anonimo alla polizia, si trasforma in omicidio.
Partono così le indagini e Visù si mette all'opera per cercare di discolpare la sua cameriera, che viene accusata di aver avvelenato il generale con il suo pasticcio di piccione.
Tra bottigliette di arsenico, matrimoni segreti, mariti morti che resuscitano e amori clandestini, prende vita un'intrigante giallo che vi farà spazientire per gli errori di battitura ma anche rallegrare per gli strambi personaggi che lo popolano.
Una storia intrigata piena di mistero, un linguaggio non del tutto fluido e descrizioni dettagliate.
Un giallo che merita:
3 stelle su 5
                                                     
Ecco alcune frasi dal libro:

- Pooki: "(..) mia nonna è stata sepolta durante un temporale e la sua anima non ha mai trovato pace. Viene a farmi visita almeno una volta alla settimana, fin dall'India. E dire che quando è morta avevo pensato di essermi liberata di lei."

- Pooki: "Signora, ora che è morta vedo mia nonna più spesso di quando era viva. E' per questo che mi stanno venendo i capelli grigi. Non voglio ritrovarmi ai piedi del letto anche il fantasma di Catherine Howard. C'è gente che si alza presto al mattino, sa? "

- Sig. Bagshot: "Sono trent'anni che lavoro qui, e anche se non ho mai visto uno spettro si può dire che abbia visto tutto il resto."

- "E' più facile perdonare qualcuno quando è morto."

- "Quando le note scordate invasero la sala d'aspetto, un vaccaro perse l'udito da un orecchio, la pressione di un assaggiatore di birra salì alle stelle e un costruttore di gabbie per uccelli dichiarò che la vita non valeva più la pena di essere vissuta e se ne andò senza una cura."