Translate

venerdì 10 luglio 2020

Review Party: "Il libro delle meraviglie e altre fantasmagorie" di Lord Dunsany



Editore Mondadori
Genere Fantasy

Lord Dunsany, alias Edward John Moreton Drax Plunkett era uno scrittore e drammaturgo irlandese, famoso per le sue opere fantastiche ambientante in un mondo immaginario.
Lord Dunsany era uno scrittore estremante attivo, nell'arco della sua vita ha scritto tredici romanzi, centinaia di racconti e poesie, più di quaranta drammi teatrali, dozzine di saggi, cinque volumi di autobiografie, senza contare il grande numero di articoli, lettere, critiche letterarie e teatrali.
La Mondadori ha voluto riunire in unico libro alcune di queste sue opere fantastiche.
In "Il libro delle meraviglie e altre fantasmagorie" sono contenuti:
- Il Libro delle Meraviglie (una raccolta di quattordici racconti)
- Demoni, uomini e dei (una raccolta di racconti che contiene le sottocategorie: Uomini, Eroi e meraviglie, Jorkens, Dei)
- La figlia del re degli elfi (libro completo)
- La maledizione della veggente (libro completo)
Il mio compito, oggi, è di parlarvi della prima raccolta di racconti: Il Libro delle Meraviglie.
Il titolo mi ha attratta fin da subito, mi ha fatto pensare a storie magiche ed epiche.
Questa raccolta contiene quattordici racconti diversi tra loro.
Protagonisti di queste storie sono centauri, sfingi, nomadi, ladri, pirati, draghi, Farfurelli.
Lord Dunsany ha creato un mondo abitato sia da uomini che da creature fantastiche, mistiche, divine. Ha creato una realtà in cui potesse coesistere reale e utopico.
Tutti questi suoi personaggi si muovono in scenari diversi, fantastici o reali. Alcune storie sono ambientate a Londra, altre ai confini del mondo.
Peculiarità di queste storie è la mancanza di un vero e proprio inizio, sembrano tagliate da storie più ampie e alcuni finali sono un po' troncati.
I racconti in questa prima raccolta sono abbastanza brevi e scorrevoli.
Sono storie semplici, non troppo elaborate ma piene di fantasia e a volte è stato aggiunto anche un pizzico di magia.
Sono storie di re che tentano di conquistare la loro regina, storie di ladri e stranieri che tentano di vendere finestre magiche che mostrano sempre una città splendente con stendardi con sopra draghi d'oro.
Una delle storie che mi è piaciuta di più è quella del capitano Shap (L'incoronazione di Thomas Shap), un pirata che aveva una nave-isola e tentava di conquistare una regina.
Altra storia affascinante è quella della regina dei boschi (La cerca delle lacrime della regina), Sylvia che decide di sposare solo l'uomo che riuscirà a farla piangere.
Particolare affascinante del libro sono le stupende illustrazioni in bianco e nero che raffigurano alcuni episodi delle storie. Sono però state inserite un po' a caso, non tutte compaiono all'interno del capitolo, della storia che rappresentano.
Leggendo questo libro ho scoperto di non essere una grande fan di Lord Dundany e delle sue opere ma ciò non mi ha impedito di apprezzare ugualmente alcune sue storie.
Cosa che mi è piaciuto tanto è il continuo cambio di ambientazioni, lo scrittore, con le sue storie, ci fa viaggiare continuamente.
Se amate i fantasy, la mitologia e i racconti, non vi resta che leggere questo libro.

giovedì 9 luglio 2020

Cosa c'è di nuovo nella mia libreria


In questi ultimi mesi mi sono arrivati/ho comprato un sacco di libri ed ebook nuovi.
Alcuni li ho comprati, altri li ho ottenuti in scambio e altri ancora li ho ricevuti tramite le collaborazioni con le case editrici.
Di sicuro, per i prossimi mesi, non rischierò di rimanere senza libri da leggere.
Vi mostra ora i miei nuovi libri.








mercoledì 8 luglio 2020

Recensione: "La ragazza del fuoco" - Carlo Montariello


Editore Astoria
Genere Narrativa

Questa storia è un tuffo nel passato, tra i ricordi di un ragazzino la cui vita è cambiata nell'arco di un'estate.
Siamo nel 2001 e Marco ricorda quell'estate del 1982 che tanto ha rivoluzionato la sua vita.
Marco passa le sue vacanze estive a Baia Calo, lì ci sono gli amici del mare, gli amici con cui passa sempre le estati.
Marco ha quattordici anni e passa il suo tempo con Teresa, tredicenne con l'erre moscia, Mirko, quindicenne cicciotello e super forte, Rossana, undicenne, la più piccola del gruppo e Ciro, quattordicenne dall'alito pesantissimo!
La combriccola di Baia Calo trascorre il suo tempo affrontando un'avventura dietro l'altra.
Salti dagli scogli, rapimenti di cani, violazioni di domicilio, lotte con i bulli, fughe notturne, amori segreti, costruzioni di sabbia e ovviamente tanti bagni nell'acqua salata sotto il sole di agosto.
Quell'anno, però, Marco si discosta un po' dagli amici del mare per avvicinarsi ad alcuni personaggi di Baia Calo solitamente evitati da tutti.
Parlo di Achille, il pazzo del posto che diventerà per Marco una delle persone più importanti della sua vita.
E Maria, una ragazzina che se ne sta sempre per i fatti suoi e ha la mania di accendere fuochi.
Ed ecco che tra giornate in spiaggia con la musica in sottofondo e la pelle ricoperta di sabbia, Marco scopre l'amore e il coraggio.
"La ragazza del fuoco" è un libro che ti fa ricordare con nostalgia le estati in famiglia trascorse al mare.
È un libro che va gustato un po' alla volta e poi tutto d'un fiato. Il finale è pieno di sorprese!
Questo libro non parla solo della spensieratezza, dell'amicizia ma anche di argomenti più cupi.
Tra le varie tematiche che affronta ce ne sono alcune delicate, come la violenza domestica, i pregiudizi, il bullismo.
Quando mi è arrivato il libro a casa non pensavo che mi potesse piacere ma poi mi sono ricreduta, mi sono lasciata coinvolgere dalla storia di Marco, da quell'estate che lo ha cambiato per sempre.
"La ragazza del fuoco" è una lettura scorrevole, con una narrazione fresca e una trama che ti porta con la mente lontano, a quando si era più piccoli.
Questa è una lettura estiva al 100%, perfetta sia per coloro che andranno in vacanza sia per coloro che resteranno a casa.

Recensione: "Il Ranger del Deserto" - Matteo Malvisi, Matteo Ivaldi, Giorgia Giacchi, Davide Bello


Editore Antonio Mandese Editore
Genere Fantasy

"Il ranger del deserto" è il primo volume della "Saga della cenere".
Questo libro è un mix di fantasy, thriller, western e anche un po' di steampunk.
Elias, un ranger della nuova civiltà del pianeta, viaggia di paese in paese alla ricerca di una donna, una maga. Gli consigliano di chiedere aiuto a un certo Gin, della Carrozza Storta, un mercante, un ciarlatano con un braccio meccanico che ... riesce senza difficoltà a tenere testa a sei uomini.
Elias gli chiede non solo informazioni sulla maga ma anche di accompagnarlo nel suo viaggio alla ricerca della verità.
Gin è solo il primo compagno che Elias trova lungo il cammino.
Poco alla volta mette insieme una compagnia che lo segua nella sua missione, compagnia composta da Gin, il mercante pericoloso, Maud, la maga tentennante, Suennel, la figlia dell'apocalisse, esperta riparatrice e Brian, l'alchimista.
Elias vuole scoprire la verità sulla Guerra del Massacro e il perché quelle creature imbattibili che hanno invaso il vecchio mondo non hanno inseguito i superstiti nelle nuove terre.
Tuttavia mantenere il gruppo unito è cosa assai ardua. Non ho mai letto di una compagnia più disastrosa di questa.
I vari membri non vogliono proprio collaborare, anche se in battaglia sono fenomenali.
Nel libro non manca l'azione, sono diversi gli scontri che vedono protagonista il nostro gruppo ... a volte se le cercano proprio le battaglie.
Del resto non sono nemmeno molto fortunati, gliene capitano davvero di tutti i colori.
I personaggi principali sono molto curiosi, ognuno ha qualcosa che lo tormenta, segreti ben celati nel cuore. 
Gli autori non mancano poi di sorprenderci. Uno dei personaggi che credevo essere tra i più noiosi, è in realtà uno dei più interessanti.
All'inizio è complicato immedesimarsi nella storia. Non c'è un vero e proprio inizio, entriamo subito nel vivo della storia. Mi sentivo un po' spaesata ma poi è diventato tutto più chiaro.
Tutte le varie informazioni, però, vengono date in momenti diversi, sono sparse nella storia. Gli autori tengono alta la curiosità nel lettore.
La grafica del testo è ben curata, la mappa ad inizio libro è magnifica. Cosa molto particolare, ad inizio di ogni capitolo ci sono i simboli dei personaggi che compariranno appunto nel capitolo.
Non mi era mai capitato prima e devo ammettere che è un aspetto che mi è piaciuto.
L'ambientazione è accattivante, siamo in un mondo inventato, anni e anni dopo una guerra che ha stravolto completamente l'umanità.
I superstiti si dividono in coloro che l'hanno vissuta, nei cui occhi si vede ancora tutto l'orrore a cui hanno assistito e in coloro che sono nati dopo, i figli dell'apocalissi, dell'orrore, orfani senza casa.
"Il Ranger del Deserto" è stata una lettura diversa dal solito, una lettura ricca di avventure e scontri.
Devo ammettere che non mi è affatto dispiaciuta. Attendo con trepidazione il seguito.