Translate

venerdì 30 settembre 2022

Book Challenge - Ottobre -



Per partecipare:

- Essere lettori fissi del blog


Tracce - Primo Gruppo -
Ad ogni traccia dovete collegare un libro diverso.

- Un libro con la parola mistero/misteri nel titolo
- Abbina un libro a un gioco da tavolo a tua scelta
- Titolo che contiene una parola che inizia con la prima lettera del tuo cognome
- Abbina un libro a una di queste emoticon: 👻👿💀🎃
- Un libro con dell'acqua in copertina (fiume, bicchiere, mare, pozzanghera, pioggia)

Tracce - Secondo Gruppo -
Ad ogni traccia dovete collegare un libro diverso.


Traccia Bonus
Puoi collegare quanti libri vuoi a questa traccia.

L'Ordine sceglie: Traccia Fotografica 
Bisogna fotografare il libro (o il supporto digitale con la copertina del libro visibile) vicino a qualcosa che c'è nella copertina: una macchina, un albero, una penna, una sedia, il mare, un animale, ecc...
Anche persone: ad esempio se c'è una coppia abbracciata ci si può fare fotografare abbracciati al compagno/marito.

Ordine della Fenice 446
Bambini Sperduti 336
Lost In Austen 301
Ladre di libri 215

giovedì 29 settembre 2022

Recensioni: "Un caso per Charlotte Holmes" - "Volo di notte" - "Carte in tavola" - "Il ritratto di Dorian Gray" -


"Il ritratto di Dorian Gray" di Oscar Wilde 

Pagine 257
Genere Classico

Originalità 9
Trama 9
Narrazione 9
Personaggi 8
Descrizioni 8
Ambientazione 8

Voto Finale: 9

Basil Hallward ha dipinto un ritratto che lascia senza parole. Il giovane raffigurato è in possesso di una bellezza rara, il suo nome è #doriangray
Basil racconta a Lord Henry di quando ha incontrato il giovane due mesi prima, a un ricevimento e di come, da quel momento, sia diventato per lui fonte di ispirazione.
È proprio Lord Henry a far realizzare a Dorian quanto effettivamente sia affascinante e lo mette in guardia: che si goda la sua bellezza perché non sarà eterna.
Dorian se ne rende conto di colpo e si ferma a guardare il suo quadro finito, la sua immagine che sarà eternamente giovane e desidera di poter fare a cambio, in pegno è pronto a dare la sua anima.

“… e avrebbe nascosto la sua anima agli occhi degli uomini.”

👉 Quando Dorian rivede il quadro si accorge che è mutato, è la tela a portare ora il peso del tempo e delle colpe, delle passioni, delle crudeltà. Il quadro diventa un monito.
Dorian diventa sempre più corrotto, la sua anima sempre più sporca ma è il quadro a portarne gli effetti.

👉 Lord Henry dovrebbe farsi un po’ i fatti suoi 😂 in pratica è lui a scatenare tutti i problemi e continua a mettere in testa a Dorian idee che lo portano a compiere sciocchezze evitabili. Fuorvia Dorian, cancella il suo senso di colpa, gli toglie la sua umanità e lo fa fissare su sciocchezze come la bellezza. Lo ha reso insensibile, privo di pietà.
Lord Henry ha pure un’opinione alquanto discutibile sulle donne. È un personaggio singolare, sembra stare sul margine della storia, di tanto in tanto si affaccia e porta scompiglio, per poi ritirarsi in punta di piedi. Una sorta di grillo parlante ma sbagliato. Sotto certi punti di vista mi ha ricordato #oscarwilde Che abbia voluto entrare lui stesso nel libro?

👉 Un libro affascinante che pone l’attenzione su ciò che nella vita conta davvero. Quanto importa la bellezza se dentro sei un mostro?

👉 Una lettura coinvolgente che mi ha presa totalmente.

“I libri che il mondo definisce immorali, sono libri che mostrano al mondo la sua infamia.”

"Volo di notte" di Antoine de Saint-Exupéry

Pagine 105
Genere Classico

Originalità 6
Trama 5
Narrazione 7
Personaggi 6
Descrizioni 5
Ambientazione 6

Voto Finale: 6

Fabien è un pilota, porta dall'estremo sud verso Buenos Aires il corriere di Patagonia.
Vola di notte e si trova così a guardare le stelle, quelle nel cielo e quelle accese nelle case sotto di lui.
Lui guida uno dei tre aeroplani postali di cui il direttore Rivière è responsabile.
Una notte, Fabien si ritrova nel mezzo di un uragano.

👉 Rivière è il personaggio meglio descritto di tutto il libro. Lui aspetta a terra i voli con una certa apprensione, è un direttore severo, intransigente, a volte proprio insopportabile, eppure anche lui ha i suoi momento no e lo vediamo vacillare. 

👉 La narrazione è poetica, evoca immagini suggestive, soprattutto quando vengono descritti i voli notturni.

👉 Sinceramente, la trama non è nulla di che. L'unica cosa degna di nota è appunto la narrazione. Lo consiglio? Secondo me si può benissimo fare a meno di leggerlo. Per lo meno, io non sono rimasta colpita da questa lettura.

"Carte in tavola" di Agatha Christie 

Pagine 238
Genere Giallo

Originalità 8
Trama 8
Narrazione 7
Personaggi 7
Descrizioni 8
Ambientazione 7

Voto Finale: 8

Un pomeriggio, a una mostra, l'investigatore Poirot incontra una sua vecchia conoscenza, il singolare signor Shaitana.
La sua provenienza è un mistero, di certo però è una figura bizzarra, nel vestire e nel modo di fare. Ovviamente anche le sue collezioni non possono che essere uniche e infatti invita Poirot a cena per mostrargli la sua collezione di assassini mai presi. 
Alla cena sono presenti non solo criminali sotto rispettabili spoglie ma anche difensori della legge come appunto Poirot e il sovrintendente Battle, funzionario di Scotland Yard.
Fortuna che ci sono loro infatti alla fine della cena, durante le partite di bridge, il padrone di casa viene ucciso, proprio lì, mentre sono presenti tutti.
Il signor Shaitana è stata pugnolato e nessuno si è reso conto di nulla.
Il dettaglio su cui si fissa Poirot? I cartoncini dei punteggi del bridge.

👉Dopo gli interrogatori iniziali, gli ospiti vengono lasciati andare. L'indagine prosegue con altri interrogatori ed ispezioni. L'indagine è doppia, il sovrintendente e Poirot portano avanti ricerche diverse. Quella di quest'ultimo procede un po' in sordina. 

👉Per più volte sembra che la soluzione sia stata trovata e invece i colpi di scena di susseguono.
La Christie mette la soluzione in bella vista ma allo stesso tempo la nasconde con le parole.

👉 Il caso è senza dubbio accattivante. Del resto, una collezione di assassini non si vede tutti i giorni. Insolita quanto pericolosa.

"Un caso per Charlotte Holmes" di Brittany Cavallaro
Vol. 1 di Charlotte Holmes

Pagine 304
Genere Giallo

Originalità 6
Trama 7
Narrazione 6
Personaggi 6
Descrizioni 6
Ambientazione 6

Voto Finale: 6

Charlotte Holmes e James Watson frequentano lo stesso college americano. Loro sono gli eredi di Sherlock Holmes e del dottor Watson. Entrambe le loro famiglie assomigliano molto ai loro avi. Tutti gli Holmes vengono educati sin dalla nascita al metodo deduttivo e molti hanno problemi di droga. Gli Homes e i Watson ovviamente si conoscono. James non vedeva l'ora di incontrare Charlotte, da sempre sogna di vivere con lei mille avventure e risolvere misteri. Viene accontentato.
Nella loro scuola, uno studente viene trovato morto nella sua stanza. Si dà il caso che James aveva fatto a pugni con lui qualche giorno prima e anche Charlotte aveva dei problemi con la vittima.
La cosa più strana è che è stato ucciso in più modi, con vari veleni, proprio come succede in uno dei racconti di Sherlock Holmes: L'avventura della banca maculata, la storia con più errori di tutta la serie.
Per caso, qualcuno ce l'ha con Charlotte e James? Vogliono incastrarli? 

👉 All'inizio ho faticato ad inquadrare la storia ed anche ora non ho capito bene il legame con Doyle.
Questa cosa degli eredi mi è chiara solo fino a un certo punto.

👉 James ha un temperamento tempestoso, basta un nulla per farlo scattare. Da grande vuole fare lo scrittore. 

👉 Charlotte ha iniziato a drogarsi all'età di dodici anni, in parte per noia in parte per mettere a tacere quella sensazione di essere nata sbagliata. Lei è un po' la pecora nera della famiglia, sembra tosta ma sotto la sua corazza nasconde un animo fragile. 
A scuola ha un suo laboratorio di chimica. 

👉 Le indagini e il caso non mi hanno colpita molto, nemmeno la soluzione mi ha sorpresa. Molto più affascinante è invece il rapporto tra Charlotte e James. Il loro legame è influenzato da quell'eredità pesante legata ai loro cognomi ma evolve e diventa qualcosa unicamente loro.

"Volevo che fossimo complicati insieme, che fossimo difficili e interessanti e straordinariamente intelligenti."

👉 Il libro non mi ha fatto venire voglia di leggere il seguito ma non è stata nemmeno una lettura tremenda.

martedì 27 settembre 2022

Questo mese in libreria - Ottobre -










Recensione: "La sorella minore (Vol. 2)" - Catherine Hubback


Pagine 250
Genere Narrativa

Originalità 7
Trama 7
Narrazione 7
Personaggi 7
Descrizioni 7
Ambientazione 7

Voto Finale: 7+

La storia continua con l’arrivo di Penelope, una delle sorelle di Emma di cui non avevamo ancora fatto conoscenza.
Incontrarla non è esattamente un piacere: ha un carattere deciso, burbero, entra come un uragano portando baccano e scompiglio.
È tornata per il ballo del Castello degli Osborne e per un fatto che vuole tacere.
Emma vorrebbe istintivamente andarle più lontano possibile, Penelope l’accusa anche di aver giocato d’astuzia stringendo amicizia con Miss Osborne.
Al ballo, Emma è contesa da vari gentiluomini, anche se lei non fa che tenere d’occhio Mr Howard.
Di lì a poco, la vita di Emma subirà una brusca deviazione, per lei hanno inizio tempi bui.

👉 L’autrice è la nipote di Jane Austen e questo libro che ha scritto è la versione completa del libro I Watson.

👉 Un libro pieno di cambiamenti, matrimoni, nuovi fratelli in arrivo ... e non tutti simpaticissimi. 

👉 Rivedo Jane Austen in alcuni dei personaggi della storia e in certe scene che richiamano altri suoi romanzi.

👉 Questa volta ho trovato la narrazione più scorrevole, segno di una traduzione ancora più curata e attenta. La parte iniziale l'ho letta con più fatica, questa l'ho invece divorata.

👉 In questo volume il carattere di Emma si delinea maggiormente. Una fanciulla riservata, gentile, disponibile, che sopporta con pazienza le pressioni e angherie della famiglia.

👉 Penelope e la cognata di Emma smuovono decisamente la storia. La cognata in particolare è prepotente e così gelosa da far venire il nervoso. Sono due personaggi molto forti che metteranno a dura prova il carattere mite di Emma.

👉 Ho decisamente apprezzato maggiormente questa seconda parte dalla trama più ricca.