Translate

giovedì 14 febbraio 2019

Recensioni: "La ragazza nell'ombra" - "L'assassinio di Florence Nightingale Shore. I delitti Mitford" - "Il profumo"


"La ragazza nell'ombra. Le sette sorelle" di Lucinda Riley

Editore Giunti
Genere Narrativa

"Le sette sorelle" è una serie letteraria che narra le vicende di sei sorelle adottate.
Dopo la morte del padre adottivo, seguendo gli indizi che lui ha lasciato loro, le ragazze si mettono alla ricerca delle loro origini.
"La ragazza nell'ombra" è il terzo volume della saga, protagonista di questo volume è Asterope, soprannominata Star.
Lei è una ragazza di ventisette anni che vive all'ombra della sorella Cece.
Sono uno l'opposto dell'altra "... io parlavo piano e poco, lei forte e spesso."
Da sempre, però, sono inseparabili, hanno viaggiato per il mondo, hanno un loro linguaggio segreto ed ora vivono insieme nel nuovo appartamento di Cece.
Tuttavia, Star sente, per la prima volta, l'impellente bisogno di staccarsi dalla sorella, ha sacrificato tanto per lei, è arrivato il momento di vivere la sua vita.
Asterope decide quindi di aprire la lettera che il suo padre adottivo, Pa' Salt, le ha scritto prima di morire.
Gli indizi che vi trova all'interno la conducono in una libreria londinese, lì avrà inizio un viaggio che la porterà nel passato, agli inizi del 1900.
Le storie delle sette sorelle ruotano attorno a diversi temi principali, la storia di Maia riguarda l'arte, quella di Ally la musica, la storia di Star riguarda invece i libri.
Questa volta, la storia mi ha un po' esasperata. Gli indizi sulle origini di Star sono a portata di mano ma lei non ha fretta di ascoltarli e il proprietario della libreria non ha fretta di raccontarli. Morivo dalla curiosità!
La storia dell'antenata di Star mi ha poi lasciato l'amaro in bocca: si è torturata, sacrificata per rendere felice chi ama senza rendersi conto che quelle persone che a loro volta tengono a lei, non potrebbero mai essere felici sapendola infelice! Insomma, ha fatto un po' un pasticcio.
In questa storia, però, di positivo c'è l'enorme sforzo, la tenacia di donne che hanno lavorato duramente per sollevare le sorti della loro situazione familiare.
Questo libro è, in effetti, un tributo alle donne, alla loro determinazione, agli sforzi che hanno fatto per ottenere diritti pari a quelli degli uomini.
Questo volume non l'ho apprezzato quanto i precedenti ma devo ammettere che quest'ultimo aspetto, l'esaltazione della figura femminile, è una delle cose che più ho amato di questo testo.
Inoltre, mi rivedo in Star, nella sua insicurezza, nel suo amore per i libri e per il giardinaggio.

"... negli anni ottanta siamo state delle vere pioniere; noi, la prima generazione di donne colte a mettere piede in un mondo dominato dai maschi. Ma penso che abbiamo semplicemente dato alle donne che sarebbero venute dolo di noi la possibilità di avere più scelte. In altre parole, abbiamo permesso loro di essere chi desiderano."

"L'assassinio di Florence Nightingale Shore. I delitti Mitford" di Jessica Fellowes

Editore Neri Pozza 
Genere Giallo

L'ultima volta che qualcuno ha visto viva Florence Nightingale Shore, eroica e volenterosa infermiera di cinquantacinque anni, era alla stazione dei treni, il 12 gennaio 1920.
Quello stesso giorno, sempre alla stazione, Louisa scappa dallo zio che la vuole usare come mezzo per ripagare i suoi debiti.
Louisa viene aiutata da Guy e Harry, due poliziotti ferroviari che devono poi allontanarsi per occuparsi dell'aggressione a Florence, a causa della quale, la donna poi muore.
Scotland Yard chiede a Guy e Harry di partecipare alle indagini. Louisa stessa rimarrà invischiata nella faccenda a causa del legame tra Florence e la famiglia per cui ora lavora: i Mitford.
È quasi assurdo il modo in cui tutti questi personaggi si incrociano tra di loro.
Ho aspettato tanto per leggere questo libro e quando infine l'ho letto, sono rimasta delusa.
"L'assassinio di Florence Nightingale Shore. I delitti Mitford" parla di fatti e personaggi realmente esistiti.
Florence era davvero un'infermiera ed è stata realmente uccisa il 12 gennaio 1920, contrariamente da ciò che è raccontato nel libro però, il suo assassino non è stato trovato.
Reale è anche la famiglia Mitford, di cui fa parte Nancy che nella storia romanzata veste la parte della detective dilettante assieme a Louise.
Anche Mable, amica di Florence, è un personaggio reale.
Nella trama, largo spazio, viene dato appunto alla famiglia Mitford, cosa che mi ha infastidita. Non amo i gialli che divagano, che non mettono il caso al centro della trama.
Queste divagazioni, secondo me, hanno appesantito la storia, l'hanno resa involontariamente noiosa.
Inoltre, la soluzione del caso! Ho individuato il colpevole già dopo un'ottantina di pagine! Per non parlare dei misteri secondari, anche loro facilmente intuibili.
"L'assassinio di Florence Nightingale Shore. I delitti Mitford" è un giallo affatto brillante, sinceramente, leggerò il secondo volume solo perché l'ho già preso.

"Questo omicidio mi lascia perplesso, signori. Non abbiamo armi né veri e propri testimoni."

"Il profumo" di Patrick Süskind

Editore Tea
Genere Narrativa

Questa è la storia di Jean-Baptiste Grenouille, uomo del diciottesimo secolo che cosparse di profumo la Francia.
All'epoca, ogni via, ogni persona emanava un lezzo pungente.
Jean-Baptiste Grenouille nacque in mezzo a quell'odore nauseabondo, tra i rifiuti, al mercato e si può dire che fu fortunato perché se fosse nato altrove, in un posto isolato, sua madre, forse, sarebbe riuscita nel suo intento: ucciderlo.
Jean-Baptiste però era destinato a vivere.
Venne affidato ai frati che a loro volta lo diedero a una donna che teneva i bambini a pensione.
Il fatto era che Jean-Baptiste Grenouille era un essere particolare: non aveva nessun odore.
Nonostante tutto, Jean-Baptiste cresce sereno anche senza l'amore di nessuno e anno dopo anno, invece delle parole, impara a conoscere gli odori grazie al suo olfatto sensibile e super sviluppato, in pratica crea il suo personalissimo vocabolario di odori.

"Aveva collezionato diecimila, centomila odori peculiari e specifici, e li teneva a sua disposizione."

A otto anni, Jean-Baptiste Grenouille viene mandato a lavorare da un conciatore ed è lì che iniziano i fatti strani.
Questo libro mi ha spiazzata. Man mano che leggevo, il testo che credevo di aver inquadrato, mutava assumendo caratteristiche grottesche, strambe, perfino raccapriccianti.
Ci sono scene rivoltanti, crudeli, inquietanti!
Il mio disgusto cresceva pagina dopo pagina, così come il mio desiderio di giustizia e ... la mia curiosità. Perché per quanto inusuale e tremendo fosse il libro, ero anche attratta dal finale, volevo sapere come tutto si sarebbe concluso, che fine avrebbe fatto Jean-Baptiste Grenouille.
Inoltre, ero affascinata dal fatto che la storia di ogni personaggio venisse delineata fino alla fine, le loro sorti non sono ignote, ma vengono rivelate una dopo l'altra.
Quando ho iniziato a leggere questo libro non mi aspettavo una storia così agghiacciante.
Quando ho finito il libro ero letteralmente senza parole.
Non riesco nemmeno a decidere se la storia mi sia piaciuta o meno, sono solo certa di una cosa: questo libro mi ha davvero scioccata.

"Adesso gli era chiaro il motivo per cui era attaccato così tenacemente e rabbiosamente alla vita: doveva essere un creatore di profumi."

lunedì 4 febbraio 2019

Novità in libreria - Febbraio -


Per la rubrica
"L'annusatrice di libri"
di Desy Icardi


Torino, 1957. Adelina ha quattordici anni e vive con sua zia Amalia, una donna algida e distaccata che le dedica distratte attenzioni. Tra i banchi di scuola, la ragazza viene trattata come lo zimbello della classe: alla sua età, infatti, non sembra in grado di ricordare le lezioni. Il reverendo Kelley, il suo severo professore, non le dà tregua e decide di affiancarle nello studio la brillante compagna Luisella. Se Adelina comincerà ad andare meglio a scuola, però, non sarà merito dell’aiuto dell’amica ma di un dono straordinario di cui sembra essere dotata: la capacità di leggere con l’olfatto. Questo talento, che Adelina sperimenta tra le pagine di polverosi testi antichi, rappresenta però anche una minaccia: il padre di Luisella, Amedeo Vergnano, un notaio implicato in traffici non proprio chiari, tenterà di servirsi di lei per decifrare il celebre manoscritto Voynich, “il codice più misterioso del mondo”, e trarne così guadagno. Se l’avidità di Vergnano porterà Adelina a perdere il suo dono magico, l’esperienza vissuta le lascerà il piacere insaziabile per i libri e per la lettura.

"Il rimedio miracoloso"
di Herbert George Wells 

Nato alla fine dell’Ottocento in una grande casa padronale di campagna dove la madre lavora come governante, George Ponderevo viene successivamente mandato a Wimblehurst in qualità di apprendista nella farmacia dello zio, un uomo ambizioso e determinato ad avere successo. Da qui approda poi a Londra, dove la sua vita viene improvvisamente sconvolta dal genio imprenditoriale dello zio Edward che lancia sul mercato la specialità farmaceutica Tono-Bungay, una miscela spacciata come ricostituente – di fatto una cialtroneria – che ottiene un enorme successo e crea dal nulla un rampante e fragilissimo impero finanziario. La storia di questa impresa si intreccia alla vita privata di George, al rovinoso matrimonio con Marion, alla sua movimentata vita sentimentale e ai suoi esperimenti di volo con gli alianti, fino al momento in cui la stella imprenditoriale e finanziaria dello zio si spegne in modo fulmineo e catastrofico…
Un grande classico da riscoprire: considerato uno dei massimi esempi di romanzo sociale alla Dickens, Il rimedio miracoloso, di stampo autobiografico, è una sagace opera panoramica su una società in disfacimento. Brillante, divertente, incredibilmente moderno, viene definito dallo stesso Wells come il suo libro più riuscito.



"Non era vero"
di Clare Mackintosh

È un biglietto con queste parole a sconvolgere ancora una volta l’esistenza di Anna, reduce dalla doppia morte, a pochi mesi di distanza, prima del padre e poi della madre. Ma se la polizia non ha mai avuto dubbi nel classificare come suicidio quel duplice volo sulle rocce a picco e le acque agitate di Beachy Head, Anna non sa darsi pace. Il solo a darle ascolto è Murray Mackenzie, agente in pensione che alla cura della moglie malata alterna il servizio come volontario presso la Centrale. All’insaputa dei colleghi, Mackenzie si mette a caccia di indizi in grado di dare sostanza ai dubbi di Anna. Perché non esistono storie senza ambiguità e doppi fondi, né famiglie senza segreti. Maestra riconosciuta del twist che non ti aspetti, Clare Mackintosh torna con un nuovo, appassionante romanzo dove nulla, ma proprio nulla, è come sembra. A dimostrare perché, con oltre due milioni di copie vendute, è oggi tradotta in tutto il mondo e acclamata da colleghe come Paula Hawkins, Fiona Barton, Jojo Moyes e Shari Lapena.

"La ragazza invisibile"
di Blue Jeans 

Una mattina di maggio Aurora Ríos viene trovata morta nella palestra della scuola. Qualcuno le ha inflitto un colpo fortissimo sulla testa e ha abbandonato vicino al corpo martoriato uno strano indizio: una bussola. È forse questo il primo momento in cui i compagni si accorgono veramente di Aurora, la “ragazza invisibile”. A diciassette anni, Aurora non ha amici, né una famiglia che voglia occuparsi di lei. La sua morte fa chiasso, forse troppo, finché tutti ammutoliscono. Perché all’improvviso tutti a scuola vengono sospettati per il delitto. Ma chi è il vero responsabile di quello che è successo? Julia Plaza è ossessionata da questa domanda. Compagna di classe di Aurora, Julia ha un’intelligenza straordinaria e una memoria prodigiosa, ed è in grado di realizzare un cubo di Rubik in meno di cinquanta secondi. Così, quasi per gioco, e con l’aiuto del suo migliore amico Emilio, inizia a indagare sul delitto. Ma il gioco si trasforma rapidamente in un vortice da cui Julia non può più uscire: perché niente è come sembra e l’assassino della bussola potrebbe essere proprio accanto a lei. Con oltre un milione e mezzo di copie vendute all’attivo, Blue Jeans è un vero e proprio fenomeno editoriale in Spagna e in Sud America. La ragazza invisibile è il suo esordio nella suspense, un romanzo dall’ingranaggio perfetto e dal ritmo implacabile. Una storia travolgente in cui tutti sono sospettati, o forse tutti sono colpevoli.

"Il fabbricante di sogni"
di R.M. Romero 

Cracovia, 1939. È un giorno come tanti quello in cui una bambola di nome Karolina prende vita nella polverosa bottega di un giocattolaio. Una magia inaspettata che rompe la monotonia della solitaria esistenza di Jozef. Jozef è un uomo burbero che ha conosciuto la guerra e non è mai riuscito a ricomporre i pezzi del suo cuore infranto. Ma, quando Karolina entra nella sua vita come una ventata d’aria fresca, le cose cambiano. Nella bottega del giocattolaio torna il sorriso e Jozef si avvicina a un violinista ebreo e a sua figlia, per la quale realizza una splendida casa di bambole. Proprio nel momento in cui tutti sembrano finalmente aver trovato la felicità, però, l’ombra nera del nazismo si allunga sulla Polonia. I nuovi amici ebrei si trovano all’improvviso in pericolo, e Jozef non intende abbandonarli per nessun motivo. Anche se questo significa sacrificare se stesso. Acclamato dalla critica in tutto il mondo, Il fabbricante di sogni è una vera e propria favola universale, una straordinaria allegoria, più attuale che mai, sulla guerra e sull’odio razziale. Una storia dal grande potere immaginifico e dall’eccezionale forza letteraria che ci ricorda quanto sia importante credere nella magia, e nell’amore, per sopravvivere all’orrore della realtà.



"Prometto di amare"
di Pedro Chagas Freitas

Sulla panchina, al centro esatto della piazza avvolta dal chiacchiericcio indistinto dei passanti, è seduto un uomo. Sulle gambe un taccuino da cui non si separa mai. Aspetta il momento giusto per aprirlo e annotare gli abbracci più belli di cui è testimone silenzioso. È questo che fa da più di trent’anni: andare a caccia di tutte le braccia che si incontrano e che, quando si stringono, raccontano una storia. La storia del legame inscindibile tra un genitore e un figlio. Quella della riconciliazione tra due fratelli, rimasti separati troppo a lungo. O, ancora, quella della passione che unisce due amanti in un eterno presente da cui non vorrebbero più uscire. Stralci di vita colti in un istante di muta perfezione che parla di amori unici e irripetibili. Perché l’amore è molto più di un segno su un grafico o di una voce nel dizionario. L’amore è un mistero inconoscibile, una dolce pazzia che si insinua in noi per non lasciarci più. È una forza che elude etichette e definizioni, assumendo ogni volta forme diverse: gioia, sogno, felicità. Un balsamo in grado di lenire il dolore e curare le ferite più profonde. Un’esperienza totalizzante che ci costringe a rimettere in discussione le nostre scelte e a trovare il coraggio di mettere a soqquadro il nostro mondo per renderci conto di chi siamo e di quello che ancora abbiamo da dare. E allora, per conoscere questa straordinaria emozione, basta imparare a buttarsi, a rischiare il tutto e per tutto senza pensarci troppo, ad aprire il cuore anche quando nessuno sembra avere la chiave giusta per entrare. Pazzo è chi non si abbandona alle promesse dell’amore.

"Oggi è il giorno giusto per dare una svolta alla tua vita"
di Raphaëlle Giordano 

Ci sono giorni capaci di cambiare rotta alla nostra vita. Per Meredith oggi è uno di quelli: di fronte al desiderio del compagno Antoine di dare una svolta al loro rapporto, non è più sicura della direzione da prendere e ha bisogno di fare chiarezza, ma non sa da dove cominciare. Finché la migliore amica Rose le regala un taccuino su cui annotare pensieri e riflessioni e le propone di portarlo con sé in un viaggio intorno al mondo. Sei mesi per ritrovare sé stessa e capire se sia possibile prepararsi al grande amore. All’inizio, Meredith non crede sia una buona idea, ma allontanarsi dalla quotidianità potrebbe rimettere ogni cosa nella giusta prospettiva. Così accetta la proposta di Rose: da Parigi a Londra e New York, riempie il suo taccuino di annotazioni che la aiutano a esprimere la propria inclinazione all’amore. E impara che bastano pochi semplici accorgimenti per vivere e amare pienamente: fare pace con sé stessi e mettere da parte i ricordi dolorosi, ascoltarsi e riconoscere il valore dei propri successi, non dare retta ai dubbi né alla voce della gelosia e, soprattutto, ricordarsi di tendere al punto giusto la corda del desiderio. Piccole regole d’oro da rispolverare quando si ha la sensazione di aver perso l’orientamento. Ora Meredith deve affrontare la sfida più grande: mettere in pratica ciò che ha imparato per capire se sia arrivato il momento di riabbracciare Antoine e riprendere la propria vita.




"Se ami qualcuno dillo"
di Marco Bonini


Roma, anni Ottanta. Marco, dieci anni, è innamorato cotto. Daniela è la bambina più bella del cortile e lui se la guarda tutti i giorni dal balcone. L’amore non corrisposto lo sta consumando, ma in casa c’è qualcuno molto più irritato di lui. Sergio, suo padre, non crede ai propri occhi: il suo figlio maggiore, rimbambito appresso a una femmina? Poi un pomeriggio, imbambolato dall’apparizione di Daniela sul terrazzo di fronte, Marco si lascia sfuggire una biglia che precipita per sette piani, centrando il parabrezza della macchina della signora Lelle. Sergio esce, guarda di sotto e finalmente urla contro il figlio il suo inappellabile Primo Comandamento: «Lo vedi a innamorasse che succede?... solo guai! Lascia stà le donne, so’ solo ’na perdita de tempo».
Roma, estate 2000. Marco, ventotto anni, fa l’attore, guida una decappottabile inglese e non si innamora più da un pezzo. Poi una mattina un telefono squilla in una stanza buia e cambia tutto. Sergio ha avuto un infarto, è in coma e potrebbe non risvegliarsi. 
La storia di Marco e di suo padre inizia da qui, dall’attimo in cui sfiorano la fine. L’infarto non uccide il corpo di Sergio ma resetta il suo cervello: al risveglio il vecchio Sergio, l’uomo tutto d’un pezzo che non sapeva fare una carezza ai suoi figli o dire ti amo a sua moglie (la quale, non a caso, l’ha lasciato), non c’è più. Al suo posto è arrivato un alieno, imprevedibile, folle e delizioso come un neonato che deve imparare da capo tutto del mondo degli uomini. Il nuovo Sergio non sa leggere né scrivere, ma balla, ride e sa quando fare una carezza o una dichiarazione d’amore. Sergio sa essere finalmente felice e sa insegnarlo agli altri. Marco è ancora in tempo per apprendere la nuova lezione?

"L'uomo nell'ombra"
di Daniel Cole

Mi chiamo Emily Baxter e quello che mi aspetta è un compito impossibile, un enigma che sfida qualsiasi comprensione. Sono una detective di New Scotland Yard, sono fatta per questo lavoro. O così ho sempre creduto. Ma fermare questi omicidi sembra qualcosa al di là delle mie forze, e perfino di quelle dell’FBI e della CIA. Tutto per un semplice fatto: non muoiono solo le vittime, muoiono ogni volta anche gli assassini. Sempre in coppia, omicidio e suicidio. Qui a Londra, ma anche oltre oceano, a New York. C’è soltanto un aspetto che può aiutarmi a trovare chi tira i fili nell’ombra. Ma è anche ciò che più mi terrorizza. Perché, per quanto possano sembrare distanti, questi omicidi hanno una cosa in comune.
Quella cosa ha un nome: il mio.
Quella cosa sono io.


"Leonardo da Vinci. Il Rinascimento dei morti"
di Giorgio Albertini

Milano, settembre 1493. Leonardo da Vinci è chiamato a indagare su un cadavere sospetto. Durante l’autopsia, però, accade qualcosa di sconvolgente: la salma si rianima e assale lo studioso e gli assistenti. Scampato all’attacco, Leonardo viene convocato da Ludovico il Moro. Il potente signore di Milano lo mette a parte di notizie agghiaccianti: ciò a cui ha assistito non è che l’ultimo di una serie di casi che stanno terrorizzando l’Europa. Il duca gli affida allora una missione: andare a Roma per informare papa Borgia e coordinare le forze per contrastare ciò che sembra essere una feroce e letale pestilenza. Leonardo intraprende così un viaggio durante il quale dovrà fare i conti con una realtà deformata: i morti sono tornati sulla terra e hanno fame, fame di carne umana. A Firenze subirà gli assalti della follia di Savonarola e stringerà amicizia con Michelangelo, prima di ripartire per la Città Eterna, dove altre difficili prove lo attendono. Per risalire alla inconfessabile verità e porre rimedio all’inferno scatenato.

"Ex"
di Emma Chase 

Garrett Daniels ha una vita perfetta e nemmeno una preoccupazione. Era il quarterback della squadra del liceo e ora è diventato l’insegnante più desiderato in città, ottenendo il posto di coach della squadra di football. Ha gli amici giusti, la casa giusta e l’amico più adorabile che si possa desiderare: Snoopy, il suo dolcissimo cucciolo bianco. Callie Carpenter è tornata in città. Ha abbandonato all’improvviso la sua vita dall’altra parte del Paese perché a casa hanno bisogno di lei. E così, Callie torna nel suo vecchio liceo per una supplenza. Chi avrebbe mai detto che si sarebbe ritrovata – di nuovo – in mezzo a litigi, ormoni impazziti, pettegolezzi incessanti e scenate a bizzeffe? Il ritorno di Callie, infatti, non è passato inosservato nel corpo insegnanti, e quando Garrett si offre di darle qualche dritta per ambientarsi meglio è chiaro che i guai non tarderanno ad arrivare. Proprio come ai vecchi tempi. Perché nonostante il loro ruolo gli imponga di rimanere solo amici… tornati insieme a scuola potrebbero ricevere una bella lezione dall’amore.


"Ancora noi"
di Ruth Jones

Kate è un'attrice famosa; divide il suo tempo tra il set, gli eventi mondani e l'appartamento di lusso in cui vive con marito e figlia a Londra. Callum fa il professore; conduce una vita tranquilla a Edimburgo con la sua famiglia numerosa. Quando la scuola in cui insegna decide di celebrare il proprio centenario invitando una ex alunna celebre, i mondi lontani di Kate e Callum entrano in contatto. Per la seconda volta.
Perché Kate e Callum hanno un passato: segreto, passionale, struggente. Diciassette anni prima, quando lei aveva vent'anni e lui era già sposato, hanno vissuto una storia che ha sconvolto le certezze e le esistenze di entrambi. Una di quelle storie che ti segnano per sempre. Poi è finita, per un motivo che nessuno dei due vuole davvero ricordare. Ognuno è tornato alla propria vita, ha ricostruito la propria felicità.
Ma il passato ci trova sempre, soprattutto quando meno ce lo aspettiamo. E a volte torna a regalarci quella seconda possibilità, tanto a lungo sognata, quando ormai non ci speravamo più, quando forse non è il momento giusto, quando diventa necessario fare una scelta che rimette tutto in discussione. La scelta che ora spetta a Kate e Callum, se vorranno scoprire come sarebbe andata se non si fossero mai lasciati.
Un romanzo intenso e coinvolgente che rende protagonisti direttamente noi lettori, frugando nel nostro cuore tra le domande che tutti ci portiamo dentro. Perché niente come l'amore può mettere in dubbio tutte le nostre certezze.


"Non qui, non altrove"
di Tommy Orange

Ogni anno, a Oakland, in California, gli indiani d'America organizzano un raduno, una grande festa della nazione perduta e impossibile da dimenticare.
Ogni anno, oltre le perline colorate, le penne fra i capelli e il folklore turistico delle riserve, migliaia di nativi del Nord America confluiscono lì da altre città, dove vivono senza sentirsi mai a casa. Si ritrovano per cercare l'uno nell'altro una patria, per riavere un luogo che, almeno per un giorno, sia di nuovo solo loro. E ognuno lo fa a modo suo. 

Il giovane Dene tiene viva la memoria dello zio raccogliendo testimonianze per un documentario. Edwin entra a far parte dell'organizzazione del powwow, come i nativi chiamano l'evento, per conciliare le sue origini miste. Jacquie cerca di riprendere le fila della sua vita disperata attraverso quella famiglia che non sa più di avere. E così, insieme agli altri formidabili personaggi che popolano il romanzo, con le loro storie maledette e potenti che si intrecciano l'una all'altra, quegli uomini e quelle donne si preparano a vivere una giornata speciale, che si rivelerà fatale per tutti.

"Il cielo non è per tutti"
di Barbara Garlaschelli 

Le città della pianura padana, in estate, quando l’afa invade le strade deserte, hanno occhi allucinati, immobili, sotto il cielo ingannevole. Silenziose, con una eco lontana di campagna che nessuno più riconosce. Desolate e vuote, salvo i pochi abitanti costretti a rimanere: chi non è potuto partire, qualche anziano, le donne straniere che se ne prendono cura e certi ragazzini sperduti nella loro solitudine infantile.
Come Giacomo, arrivato ai giardini in sella alla sua bicicletta rossa. E come Alida, in compagnia dell’immancabile cellulare. Giacomo scappa da un funerale, quello del nonno terribile che nessuno amava e che ora tutti piangono. Alida fugge dalle ossessioni di una madre che le toglie il respiro nella speranza di evitarle le ferite che lei stessa ha subito. Giacomo è convinto di essere un assassino. Alida di essere la responsabile dell'infelicità materna. E con quella naturale sintonia che solo i bambini sanno provare, decidono di andarsene insieme. La loro scomparsa, e la disperata ricerca che ha subito inizio, costringeranno le loro famiglie a fare i conti con i fantasmi, le colpe e gli errori del passato. Gli adulti che non erano cresciuti avranno modo di farlo.

venerdì 1 febbraio 2019

Il meglio di Gennaio


Il primo mese del nuovo anno è già trascorso e tra un impegno e l'altro, sono riuscita a leggere anche qualche libro.
Le mie letture di gennaio sono state tutte positive, chi più chi meno.
Qui potete leggere i miei commenti: recensioni

Statistiche Gennaio

Libri letti: 13
Numero di pagine lette: 3.355
Voto complessivo delle letture: 7+
Recensioni negative: 0/13

Novità nelle rubriche











Miglior copertina di Gennaio


Classifica di Gennaio

giovedì 31 gennaio 2019

Book Challenge - Febbraio -

Miei care Lettrici,
il primo mese di Challenge è trascorso e mi pare che, più o meno, ci siamo, le regole le avete capite (quasi 😂).
Davanti a noi abbiamo ancora tanti mesi, quindi non preoccupatevi se ancora non avete capito qualche particolare, chiedete pure.
Approfitto del momento per ripetervi la regola su cui, ho notato, avete più dubbi: i collegamenti a catena si possono fare solo sulle mie tracce (di queste potete sceglierne solo una, ma potete usare le altre due mie tracce come collegamento con il libro precedente che avete letto). Ogni volta, dovete cambiare collegamento. 
I libri della traccia musicale e casata vanno collegati sempre alla traccia.


Per partecipare:

- Essere lettori fissi del blog




Le ladre di libri - Ordine della fenice - Bambini sperduti 

Soluzione Gioco Casata Gennaio: Il tredicesimo dono



Gioco casata
- 1 punto ai componenti della casata che indovinerà di che libro si tratta -

I libri del gioco casata sono stati tutti letti da me, quindi potete cercare qui sul blog, sulla pagina Facebook, su Goodreads oppure su Instagram.

Indizi: Orsacchiotto - Disegno - Jo

Traccia Gold
- 5 punti per il lettore -

"L'uomo che credeva di non avere più tempo" --> 1 Febbraio
"I segreti di Heap House" --> 15 Febbraio

Gruppo Lettura --> link


Traccia Musicale
- I punti variano a seconda delle pagine del libro letto -

Abbina uno o più libri a questo estratto, leggili e scrivi la recensione. 

" ... Tanto nera da sporcare le lenzuola
È l'ora dei miracoli che mi confonde
Mi sembra di sentire il rumore di una nave sulle onde ... "

 La sera dei miracoli - Lucio Dalla

Tracce Casate
- I punti variano a seconda delle pagine del libro letto -

Leggi e recensisci uno o più libri legati solo alla traccia assegnata alla tua casata.

Traccia scelta dalle Ladre di libri per i Bambini sperduti: Un libro scritto da un'autrice con il tuo stesso nome

Traccia scelta dall'Ordine della fenice per le Ladre di libri: Un libro il cui titolo contenga il nome di un fiore o di una pianta

Traccia scelta dalle Lost in Austen per l'Ordine della fenice: Un libro ambientato a Venezia 

Traccia scelta dai Bambini sperduti per le Lost in Austen: Un libro con un insetto in copertina 

Tracce Febbraio
-  I punti variano a seconda delle pagine del libro letto - 

Scegli una sola traccia, abbinala a un libro, leggilo e fai la recensione, poi puoi collegare il libro scelto a un altro libro, che puoi collegare a un altro. I collegamenti sono liberi, tranne il primo che deve essere legato alla traccia.

Un libro con la spiaggia in copertina
Un libro con una capitale nel titolo
Un libro di almeno 400 pagine

Esempi tracce spiaggia - capitale