Translate

giovedì 13 febbraio 2014

"Un viaggio chiamato vita" - Banana Yoshimoto


Editore FELTRINELLI
Pagine 187
Prezzo 7,00 EURO
Anno prima edizione 2010
Genere: Narrativa straniera 

La vita è un viaggio, e come tutti i viaggi si compone di ricordi. In questo libro, Banana Yoshimoto raccoglie preziosi frammenti di memoria e ci porta con sé, lontano nel tempo e nel mondo. Dalle emozioni del primo amore alla scoperta della maternità, dalle piramidi egiziane alla Tokyo degli anni settanta. Con la consueta
leggerezza della sua scrittura, ricostruisce le emozioni dell'esistenza a partire da un profumo, da un sapore, da un effetto di luce o dal rumore della pioggia e del vento. E così che una pianta di rosmarino ci trasporta da un minuscolo appartamento di Tokyo al tramonto luccicante della Sicilia, e che un contenitore pieno di alghe diventa l'occasione per esplorare il dolore della perdita. I pensieri in libertà di Banana Yoshimoto ci accompagnano fino al centro del suo mondo letterario e lungo il nostro personale "viaggio della vita", fatto di promesse e di incontri, di stupore e di meraviglia, di malinconia e di sofferenza. Dalle pagine di questo libro, l'autrice ci invita a riappropriarci del nostro tempo e a non perdere mai la fiducia negli altri esseri umani, perché quello che rimane, al termine del più difficile dei viaggi, è il riflesso nella nostra memoria di ogni singolo giorno vissuto.






In questo libro sono racchiusi preziosi ricordi, frammenti di una vita vissuta, attimi racchiusi tra le pagine di un libro nella speranza di renderli immortali.
Un viaggio attraverso la vita della scrittrice, un viaggio alla scoperta di nuove culture, di idee diverse, di sentimenti travolgenti.
E' come avere l'opportunità di prendere per mano la scrittrice e di accompagnarla attraverso i ricordi, rivivendo con lei la sua vita.
Dal primo amore alla maternità, dalle piramidi a Tokyo, attraverso le sensazioni e le emozioni della scrittrice, si ha l'opportunità di vedere la vita dal suo punto di vista, di fare un salto indietro nel tempo per rivivere attimi che non torneranno mai più.
Una lettura profonda in quanto si va a leggere della vita della scrittrice, ma non del tutto fluida.
La scrittrice salta da un momento all'altro ed è facile perdersi tra le pagine del libro.
Non è una lettura accattivante ma è speciale perché solo la scrittrice può descriverti quelle emozioni che ha provato vivendo.
Assegno al libro:
  3 stelle su 5

Frasi dal libro:

- "Un viaggio, per quanto terribile possa essere, nel ricordo si trasforma in qualcosa di meraviglioso."

- "La vita è fatta di piccole felicità insignificanti, simili a minuscoli fiori. Non è fatta solo di grandi cose, come lo studio, l'amore, i matrimoni, i funerali. Ogni giorno succedono piccole cose, tante da non riuscire a tenerle a mente né a contarle, e tra di esse si nascondono granelli di una felicità appena percepibile, che l'anima respira e grazie alla quale vive."

- "Non siamo nati per lavorare incessantemente, carichi di rabbia, senza fermarci mai, con la sensazione che ci manchi qualcosa, come se avessimo buttato via la nostra vita, mentre ci affrettiamo verso la morte in preda a un senso di inadeguatezza."

- "Cos'è successo a tutti? C'è proprio bisogno di distinguersi dagli altri?"

- "Tutte le cose di questo mondo un giorno non ci saranno più. E non importa quanta voglia avremo di andare: non si potrà più andare. E allora in questa vita voglio accumulare tantissimi ricordi."

8 commenti:

  1. Mi piacerebbe leggere qualcosa della Yoshimoto.Però penso che inizierò da un romanzo meno personale.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se vuoi, posso darti qualche consiglio ^_^

      Elimina
  2. Adoro la Yoshimoto e consiglio a tutti i suoi romanzi!

    RispondiElimina
  3. Consiglio anche i libir di Murakami, fantastici!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Decisamente, lo preferisco alla Yoshimoto

      Elimina
  4. Non mi piace la Yoshimoto, ha un modo di scrivere troppo personale, non riesce a coinvolgermi.

    RispondiElimina
  5. Ho avuto una brutta esperienza con la Yoshimoto a inizio anno.. non credo leggerò altro, almeno non per ora!

    RispondiElimina
  6. Non mi entusiasma la Yoshimoto

    RispondiElimina