Translate

sabato 28 giugno 2014

"Storia di una ladra di libri" - Markus Zusak


Editore FRASSINELLI
Pagine 564
Prezzo 16,90 EURO
Anno prima edizione 2014
Genere: Narrativa straniera

È il 1939 nella Germania nazista. Tutto il Paese è col fiato sospeso. La
Morte non ha mai avuto tanto da fare, ed è solo l'inizio. Il giorno del funerale del suo fratellino, Liesel Meminger raccoglie un oggetto seminascosto nella neve, qualcosa di sconosciuto e confortante al tempo stesso, un libriccino abbandonato lì, forse, o dimenticato dai custodi del minuscolo cimitero. Liesel non ci pensa due volte, le pare un segno, la prova tangibile di un ricordo per il
futuro: lo ruba e lo porta con sé. Così comincia la storia di una piccola ladra, la storia d'amore di Liesel con i libri e con le parole, che per lei diventano un talismano contro l'orrore che la circonda. Grazie al padre adottivo impara a leggere e ben presto si fa più esperta e temeraria: prima strappa i libri ai roghi nazisti perché "ai tedeschi piaceva bruciare cose. Negozi, sinagoghe, case e libri", poi li sottrae dalla biblioteca della moglie del sindaco, e interviene tutte le volte che ce n'è uno in pericolo. Lei li salva, come farebbe con qualsiasi creatura. Ma i tempi si fanno sempre più difficili. Quando la famiglia putativa di Liesel nasconde un ebreo in cantina, il mondo della ragazzina all'improvviso diventa più piccolo. E, al contempo, più vasto. Raccontato dalla Morte - curiosa, amabile, partecipe, chiacchierona - "Storia di una ladra di libri" è un romanzo sul potere delle parole e sulla capacità dei libri di nutrire lo spirito.






Quando presi in mano questo libro ero un po’ titubante. Le storie sulle guerre non fanno per me, soprattutto quelle sulla seconda guerra mondiale, ma questo dovevo leggerlo, questo libro era diverso.
Il titolo originale del libro è “La bambina che salvava i libri” ma ora tutti lo conoscono con il nuovo titolo del film “Storia di una ladra di libri”. E’ appunto grazie al film che ho scoperto questo libro, ma dopo aver letto il libro, il film è passato in secondo piano.
“Storia di una ladra di libri” racconta la storia di una bambina sorprendentemente forte e tenace. Il suo nome è Liesel e ha due mamme, un papà, un fratello che la perseguita nei sogni, un ebreo in cantina, un bambino dai capelli color limone con cui ruba libri, e una straordinaria storia da raccontare.
E’ la seconda guerra mondiale e a raccontare la storia è un’insolita osservatrice: la Morte, che ha il suo bel da fare su tutti i fronti. Corre da una parte all’altra del mondo, sollevando anime e incontrando spesso una coraggiosa bambina che le sfugge sempre.
La prima volta che la incontrò fu durante un viaggio in treno, quando prese l’anima del fratello. La loro madre li stava portando in un paese al limitare della città di Monaco, per darli in adozione a una strana coppia tedesca che si sarebbe presa cura di loro. Arrivò solo Liesel.
La seconda volta che la Morte incontrò la bambina fu quando un aeroplano si schiantò poco lontano dalla Himmelstrasse, la via dove viveva Liesel e i suoi genitori affidatari. Quella notte la Morte prese l’aviatore, e la vide ancora una volta, era vicino al ragazzo con i capelli color limone.
La terza volta che vide la bambina la stava quasi per prendere, ma anche quella volta le sfuggì. Era l’unica superstite di tutta la Himmelstrasse, non era ancora arrivato il suo momento, Liesel doveva ancora vivere.
Alla fine, naturalmente, la morte prese anche lei ma la cosa stupefacente era che prima aveva letto tutta la sua storia; di quando si intrufolava nella casa del sindaco per rubare i libri, di quando il bambino dai capelli color limone si tinse il corpo di nero per fingere di essere Jesse Owens, di quando nascose un ebreo in cantina e di quando si rese conto che le parole le avevano salvato la vita.
La Morte vede il mondo attraverso i colori, ogni uomo ha il suo, Liesel però ne aveva tanti, di tante sfumature diverse, ma tre erano i colori che brillavano più degli altri: il rosso della bandiera, il bianco del cerchio al suo interno e il nero della svastica al centro.
Questo libro non racconta solo una storia, non si limita a riempire le pagine bianche di parole, le inonda di colori, emozioni, e perché no? Anche di disegni.
Attraverso questo libro puoi vedere la seconda guerra mondiale attraverso gli occhi di una bambina, che nasconde la guerra nello spazio bianco lasciato tra una parola e l’altra.
Alle fine del libro ti arriva forte un grido: come si fa a condannare un intero popolo? Come si fa a giudicarli tutti? Come hanno fatto i tedeschi a svuotare tutto il loro furore sugli ebrei? E come facciamo noi ad incolpare tutti i tedeschi?
Durante la seconda guerra mondiale ci sono stati molti errori, ma leggendo questo libro ti accorgi che l’errore più grande di tutti è stato quello di considerare ogni singolo individuo parte di un tutto.
Questo libro è stato scritto utilizzando il punto di vista della Morte e le parole di una bambina, e quando arrivi alla fine, una risata dolce amara ti sale alla labbra proprio mentre l’ultima lacrima scende rigandoti il viso.
Leggete questo libro per rendervi conto della più dolorosa delle verità: in guerra non esistono vincitori.
Assegno al libro: 
5 stelle su 5

Alcune frasi dal libro:

- "Non è che una delle miriade di storie che porto con me (...). Ciascuna di loro rappresenta un tentativo (...) di dimostrarmi che la vostra esistenza di uomini vale la pena di essere vissuta."

- "Erano fatti di bontà e d'argento. (...) Osservando quegli occhi Liesel comprese che Hans Hubermann valeva molto."

- "Lui era lo svitato che si era dipinto di nero per battere tutto il mondo. Lei, la ladra di libri senza parole."

- "In quel periodo si diceva che gli ebrei preferissero subire. Ingoiare in silenzio gli insulti poi tornarsene a casa."

- "Immaginati di sorridere dopo un ceffone; poi pensa di farlo ventiquattr'ore al giorno. Questo voleva dire nascondere un ebreo."

- "Non farti pescare." Parola di un uomo che aveva rubato un ebreo."

- "La guerra faceva confusione tra logica e superstizione."

- "Una rubava i libri. L'altro rubava il cielo."

- "Da ladro di frutta a donatore di pane. (...) Udì il suo stomaco brontolare .. eppure regalava pane agli altri. (...) Era quella la Germania nazista?"

- "Si uccise per la sua voglia di vivere."

- "Perché dovevano esserci delle parole? Senza parole, nulla sarebbe esistito: senza parole non ci sarebbero stati il Fuhrer, né prigionieri zoppicanti, nessun bisogno di conforto o giochi di prestigio per farci sentire meglio."

15 commenti:

  1. Trovo questo libro assolutamente geniale. Uno dei più belli di questo secolo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche il film è molto bello!

      Elimina
    2. Io ho guardato il film prima di leggere il libro, mi ha rovinato la lettura, ma ho trovato, ugualmente, il libro molto interessante!

      Elimina
  2. Un libro assolutamente stupendo! Complimenti per la tua recensione

    RispondiElimina
  3. Meraviglioso! La tua recensione lo descrive perfettamente, dovrebbe essere letto da tutti!

    RispondiElimina
  4. L'ho prestato ad una mia cara amica, spero le piaccia!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. yeeeeeeee! :D alla mia amica sta piacendo (anche se è solo all'inizio!)

      Elimina
  5. Complimenti per la recensione! Mi hai fatto venire ancora più voglia di leggere questo meraviglioso libro :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Questo libro merita decisamente di essere letto, consigliatissimo!

      Elimina
  6. Ti capisco, anche io non amo particolarmente i libri sulla guerra.. o meglio, i libri storici in generale! Tuttavia ogni anno ne leggo un po', e questo l'ho letto, se non erro, nel 2014. Me l'aveva regalato mia madre dopo la promozione, quando ancora sapeva quali libri non avevo! Ahahahah
    Mi era piaciuto tanto tanto tanto! **
    E in effetti devo ancora vedere il film, prima o poi lo vedrò!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. io il film l'ho visto ed è davvero bello, come il libro del resto :)

      Elimina
    2. Devo recuperarlo.. lo vedrò sicuramente! :3

      Elimina
  7. capolavoro. sono rimasto male quando l'ho finito perchè volevo non finisse mai

    RispondiElimina