Translate

martedì 29 luglio 2014

"Alice nel paese delle meraviglie" - Lewis Carroll


Editore UNIVERSALE ECONOMICA FELTRINELLI/CLASSICI 
Pagine 222
Prezzo 7,50 EURO
Prezzo ebook 3,99 EURO
Anno prima edizione 1865
Genere: Classico 


Nel Paese delle Meraviglie non valgono le leggi della fisica: si cade per chilometri (forse, ma non si è sicuri) senza farsi niente. Non valgono le leggi del buon senso e dell'educazione: una fanciulla britannica di buona famiglia può permettersi di bere intrugli quantomeno sospetti, o di sbocconcellare funghi magici seguendo i consigli di un bruco drogato. Può infrangere tutte le noiose poesie edificanti propinatele da
pseudopoeti bacchettoni, stravolgendole in strofe di una crudeltà e di un'anarchia inaudite. Nel Paese delle Meraviglie non ci sono regole predefinite: è una bambina disambientata a creare il mondo e le entità che lo popolano. Alice non va dove la porta il cuore: va dove la porta il caos.





“Alice nel paese delle meraviglie”, chi mai non lo ha letto, da grande o da bambino? Penso che tutti conoscano, grazie al libro o al cartone, questa straordinaria storia fuori dal comune.
È nata così, quasi per caso, un giorno qualsiasi durante un giro in barca. In una giornata di sole, durante una gita, in compagnia di un amico e di tre piccole sorelle, o furie, come le chiama lo scrittore.
Lorina, Alice e Edith, erano le tre bambine che chiesero a Carroll di raccontar loro una storia ed Alice, fu l’ispiratrice di una storia davvero bislacca.
La storia racconta di una bambina di nome Alice che un giorno, mentre era distesa su un argine con la sorella, vede un Bian coniglio tutto preoccupato, esclamare trafelato “Oh dio! Oh dio! Arriverò troppo tardi!”. Incuriosita e per niente allarmata, Alice segue il coniglio con il gilet e l’orologio in una grande tana di conigli che la fa cadere giù per miglia e miglia, lungo un buco profondo che la porterà in un mondo assai strano, dove il cibo può farti ingrandire o rimpicciolire, dove i bruchi fumano il narghilè, le aragoste ballano la quadriglia, i giardinieri colorano le rose bianche di rosso, le Duchesse cullano maialini e dove la regina di Cuori fa tagliare la testa a chiunque.
Quello che Carroll ha inventato in un pomeriggio, e poi scritto per essere letto dal resto del mondo, è qualcosa di così surreale e folle che è impossibile non trovarlo affascinante.
Lo scrittore è riuscito ad inventarsi un mondo “delle meraviglie” dove a tutti è concesso di essere folli e di vedere il mondo attraverso la lente che più gli aggrada.
Il successo che sta dietro a questo libro è proprio questo: permettere a chiunque lo legga di ritornare ad essere bambini, anche se solo per poche ore.
Leggere “Alice nel paese delle meraviglie” significa fingere di accettare che la follia possa esistere. Vuol dire non trovare strano un coniglio vestito con un gilet che corre perché è in ritardo, vuol dire capire la logica che sta dietro al tè del Cappellaio matto e della Lepre Marzolina, vuol dire considerare la stranezza e la follia come una parte imprescindibile della vita.
Questo libro è un tributo all’infanzia, è la tana del Bian coniglio che ti catapulta nel mondo dell’innocenza e dell’ingenuità di quando si era bambini. Credo che sia l’antidoto ideale per la noiosa responsabilità che l’età adulta, prima o poi, dona a tutti.
Più si cresce e ci si avvicina all’età adulta, più questo libro diventa necessario, non solo per farsi due risate, ma per ricordarsi di quanto era bello quando credere alla follia era così semplice. Perché è questo ciò che il libro ti vuole ricordare: anche se ora sei un adulto, c’era un tempo in cui anche tu credevi nell’esistenza di animali parlanti, cibi magici e giochi strampalati. C’era un tempo in cui le bambine passavano tutto il pomeriggio a prendere il tè con i loro peluche e i bambini giocavano ai fortini e a rincorrersi. Quei bambini poi sono cresciuti, hanno smesso di credere alla magia e non fanno più giochi strambi, ed è a questo che serve questo libro, a ricordarti di quando anche tu credevi nella magia e nel folle.
Nella versione della Feltrinelli, che comprende anche il testo in inglese, ci sono alcune imprecisioni nella traduzione, ma è da apprezzare la possibilità di poter leggere il capolavoro in lingua originale.
Questo libro dovrebbe essere letto, principalmente, due volte: una quando si è bambini, ed una quando ci si è dimenticato di essere stati dei bambini.
Assegno al libro:
4 stelle su 5

Ecco alcune frasi dal libro:

- "E quasi credeva vero tutto quel che è sogno."

- "Eccomi qui proprio nel bel mezzo di una fiaba! Ci vorrebbe qualcuno che scrivesse un libro su di me, ecco quel che ci vorrebbe!"

- "Oh, qui non ci puoi far niente", disse il Gatto, "siamo tutti matti qui. (..)"

- "Bè, ho spesso visto un gatto senza un ghigno", pensò Alice, "ma un ghigno senza un gatto! E' la cosa più strana che io abbia mai visto in vita mia!"

- "E' sempre l'ora del tè, e in mezzo non c'è mai il tempo per lavare le cose."

- "Se non c'è nessun significato", disse il Re, " questo, sapete, ci risparmia un mondo di guai, perché non abbiamo più bisogno di cercarne uno."

12 commenti:

  1. concordo sulla valutazione! è un bel libro! e vale la pena leggerlo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. bellissimo per il mondo fantasioso che è narrato al suo interno

      Elimina
  2. Bellissimo racconto per bambini che i "grandi" non possono però non leggere!

    RispondiElimina
  3. Un libro sogno, tra realtà e follia. Qualcosa di unico ed inimitabile.

    RispondiElimina
  4. Un libro meraviglioso! Dovrebbe essere letto da tutti, grandi e piccini!

    RispondiElimina
  5. Concordo, è un libro che deve essere letto almeno una volta! Io l'ho letto un paio d'anni fa, se non erro, e l'avevo adorato! E' vero, è strano, però la storia mi piace! **

    RispondiElimina
    Risposte
    1. anch'io l'ho letto di recente, ho visto molte volte il cartone e ho visto il film ma il libro mi è bastato leggerlo una volta :)

      Elimina
    2. Esatto! Concordo con te! Però doveva essere letto! :3

      Elimina