Translate

domenica 13 luglio 2014

"Orgoglio e pregiudizio" - Jane Austen


Editore MONDADORI  
Pagine 390
Prezzo 9,00 EURO
Prezzo ebook 2,99
Anno prima edizione 1813
Genere: Classico

I Bennet vivono con le cinque figlie a Longbourne, nello Hertfordshire. Charles Bingley, ricco scapolo, va ad abitare vicino a loro con le due sorelle e un amico, Fitzwilliam Darcy.
Bingley e Jane, la maggiore delle Bennet, si innamorano; Darcy, attratto dalla seconda, Elisabeth, la offende con il suo comportamento altezzoso. L'avversione aumenta quando le sorelle riescono a separare Charles da Jane.







Penso di poter affermare quasi con assoluta certezza che “Orgoglio e pregiudizio” sia uno dei libri classici più acclamati e letti delle letteratura dell’Ottocento.
La prima volta che lessi questo libro avevo quindici o sedici anni e non ne ero per niente entusiasta.
Sentivo elogiare questo libro ovunque e da chiunque, ne sentivo parlare nei film, a scuola, nelle librerie, dai lettori e alla fine, benché a quell’epoca non amassi affatto i classici, decisi che lo avrei letto.
Il mio rifiuto verso i classici, e quindi anche verso “Orgoglio e pregiudizio”, era dovuto principalmente alla mia convinzione che “classico” fosse sinonimo di antico, noioso, sorpassato, ma la verità è che un libro classico non è altro che un libro amato a dismisura e letto pagina dopo pagina dai lettori di diverse epoche ed età. Alla fine mi resi conto che “libro classico”, in realtà, era sinonimo di qualità, affidabilità, grandezza e sogni.
Così lessi il libro tanto acclamato di Jane Austen, lo amai, lo acclamai e poi lo nascosi in libreria assieme a tutti gli altri libri.
“Orgoglio e pregiudizio” era ed è tutt’ora uno dei più grandi classici che io abbia letto, se non anche il primo in assoluto.
Nonostante ami infinitamente leggere, non sono mai stata una di quei lettori in grado di rileggere più volte lo stesso libro. Il fatto di conoscere già la storia e il finale del libro mi spingeva a riporlo nella libreria, preferendogli libri che ancora non avevo letto, ma con “Orgoglio e pregiudizio” era diverso. È stato uno dei primi libri che io effettivamente abbia amato e per me era quasi impossibile non rileggerlo almeno una seconda volta.
In questo libro non è raccontata solo una storia ma decine di storie diverse racchiuse e nascoste dietro ad una stessa storia d’amore.
Molti lettori in questo libro vedono una storia d’amore che va al di là dei problemi, dei pregiudizi, del carattere stesso degli innamorati, altri invece, in sottofondo, leggono la parabola sulla rivoluzione francese e altri ancora vedono tra le righe e gli occhi di Elizabeth Bennet, la grande e ineguagliata Jane Austen.
Il motivo che ha spinto tanti lettori a leggere questo libro penso sia proprio questo: la capacità della scrittrice di trasmetterti ciò di cui hai più bisogno in quel momento, e lo fa con una tale sagacia ed intuitiva che è impossibile non stupirsene.
Jane Austen impiegò 17 anni per completare questo libro e penso che sia stato uno sforzo ed un lavoro fruttuoso in quanto, ancora oggi, il suo libro è ammirato ed acclamato a gran voce dalla grande maggioranza dei lettori.
Leggendo “Orgoglio e pregiudizio” non leggi solo una storia d’amore ma anche l’amore e l’affetto che la scrittrice nutre per i suoi personaggi.
La necessità di leggere questo libro si cela dietro alle emozioni che esso provoca, dalla rabbia quando incontriamo Mr. Darcy per la prima volta, all’affetto verso Elizabeth e Jane, all’esasperazione che la Signora Bennet provoca, al nervosismo causato dalla prima dichiarazione di Mr. Darcy e all’amore puro che sentiamo crescere nel cuore di Elizabeth e nel nostro quando ci rendiamo conto che Mr. Darcy è l’uomo che noi tutte vorremmo che ci amasse.
Quante volte abbiamo sognato di essere Elizabeth Bennet e di trovare anche noi il nostro Mr. Darcy? Quante volte abbiamo invidiato il loro amore, il loro sapersi accettare e migliorare a vicenda?
“Orgoglio e pregiudizio” non è solo un classico ma è diventato la storia d’amore che tutti noi vorremmo avere, è diventato la nostra consolazione nei giorni più bui, è diventato la storia che più amiamo.
Questo libro, ormai da tempo, ha cessato di essere solo un romanzo ed è divenuto il sogno in grado di farci sorridere di nuovo.
Vale la pena leggere “Orgoglio e pregiudizio”? Sì, anche solo per innamorarsi di un sogno, anche solo per imparare ad amarsi, anche solo per ridere delle battute del Signor Bennet, sì, vale la pena di leggerlo, anche solo per tornare a sorridere. 
Assegno al libro: 
5 stelle su 5

Ecco alcune frasi dal libro:

- "E' una verità universalmente riconosciuta che uno scapolo provvisto di un ingente patrimonio debba essere in cerca di moglie."

- "Sei davanti a una difficile alternativa, Elizabeth. Da oggi in poi diventerai un'estranea per uno dei tuoi genitori: se non sposi il Signor Collins, tua madre non ti vorrò più vedere, e se lo sposi, non vorrò più vederti io."

- "A quanto vedo, Lizzy, (...) tua sorella ha pene d'amore. Mi congratulo con lei.Oltre a sposarsi, alle ragazze piace soffrire un pò per amore di quando in quando. Così hanno qualcosa cui pensare e si distinguono dalle amiche. Quando toccherà a te? Non potrai tollerare a lungo di farti sorpassare da Jane. Adesso è il tuo turno. (..)"

- "Ho lottato invano. E' inutile. Non posso reprimere i miei sentimenti. Deve permettermi di dirle con quanta passione io la ammiro e la amo."

- "Cosa ci stiamo a fare, se non offriamo ai vicini qualche motivo di divertimento e non ci facciamo beffe di loro a nostra volta?"

- "(..) Del passato bisogna ricordare solo quello che ci dà gioia." 

15 commenti:

  1. Credo sia uno dei miei libri preferiti in assoluto, l'ho letto e riletto e amato e amato ancora ogni volta di più. Ho letto la tua recensione con infinito piacere, sono d'accordissimo con quanto hai scritto, in particolare dell'amore dell'autrice per i personaggi, che traspare in ogni riga. Non so dire quanto ho amato, odiato e sperato, quante emozioni diverse tra le stesse pagine, quanto questo romanzo abbia effettivamente influenzato la mia vita... ma così è. Come hai detto, un grande classico che attraversa epoche e paesi. da rileggere e amare ogni volta come la prima.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Pensa che questo è l'unico libro che rileggo in continuazione, è un'opera impareggiabile!

      Elimina
  2. Io amo Jane Austen e i suoi capolavori!
    L'ho letto non so più quante volte, la tua recensione è perfetta! Sono d'accordissimo con quanto hai scritto.
    Orgoglio e Pregiudizio, è un classico, una storia, un'opera,un romanzo... tutti dovrebbero leggerlo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io non mi stancherò mai di consigliarlo!

      Elimina
  3. Non ho mai letto Orgoglio e pregiudizio ma, con molte riserve a causa di un pregiudizio verso la Austen, ho letto Emma. Beh, mi ha fatto ricredere! Un romanzo bello, divertente ed emozionante.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. XD non puoi non leggere "Orgoglio e Pregiudizio" se hai pregiudizi verso la Austen XD devi assolutamente leggerlo ;)

      Elimina
    2. Tutti i libri della Austen sono fantastici!

      Elimina
  4. Quando l'ho letto la primavolta tutto d'un fiato devo dirti che non mi era piaciuto poi tanto, poi leggendo le recensioni in giro decisi di rileggerlo on più calma e l'ho amato

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La Austen è fantastica, nonostante abbia pubblicato quel libro secoli fa, riesce ancora a far emozionare.
      E' uno dei pochi libri che amo rileggere.

      Elimina
  5. Resta sempre il mio libro preferito! Riesce quasi a farmi piangere dalla gioia una volta giunta alla conclusione del romanzo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' uno dei pochi libri che rileggo, solitamente non mi piace leggere i libri due volte, ma questo merita anche dieci riletture!

      Elimina
  6. Questo resta senza dubbio il mio libro preferito e se si potesse gli darei 140 stelline!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E'il libro che più amo, è il mio totem letterario, il top della mia classifica

      Elimina
  7. Questa tua valutazione era alquanto prevedibile! Lo leggerò!

    RispondiElimina