Translate

martedì 22 maggio 2018

Recensione: "La locanda dei ricordi d'estate" - Marissa Stapley


Editore Sperling & Kupfer
Pagine 282
Prezzo Cartaceo 17,90 €
Prezzo Ebook 9,99 €
Prima Pubblicazione 2017
Genere Romanzo Rosa

Ci sono luoghi che hanno il potere di curare ogni ferita. Per Mae, quel luogo si chiama Alexandria Bay, la cittadina a nord di New York dove è cresciuta insieme ai nonni, che da sessant'anni mandano avanti con passione Summers' Inn, la locanda sul fiume. Lì sono di casa le sue memorie più care: il primo amore, il calore della famiglia, i pochi ricordi della mamma - con quei suoi consigli su «cosa fare quando fuori piove», quasi perle di saggezza per affrontare le piccole delusioni della vita. Ed è proprio lì, quindi, che Mae si rifugia il giorno in cui scopre che il suo futuro marito è sparito nel nulla, lasciando in bancarotta lei e tutti gli amici che avevano investito nella loro società. Ma le cose non sono più come prima. O forse
è Mae a vederle sotto una luce diversa, adulta. Alla locanda, la nonna sta perdendo la lucidità di un tempo; sembra vivere in un passato di cui ricorda nitidamente ogni dettaglio e dal quale emerge all'improvviso, senza filtri, una rivelazione sconvolgente. In città, intanto, un incontro fortuito con Gabe, il suo primo grande amore, costringe Mae ad affrontare una volta per tutte la verità sulla fine della loro storia. Davanti a lei ci sono i segreti di una vita intera: un labirinto oscuro che dovrà attraversare se vorrà ritrovare la felicità per sé e la sua famiglia. Perché, se è vero che la casa è dove ti porta il cuore, a volte quel cuore ha bisogno di amore, perdono e buona volontà per rimettere insieme tutti i pezzi perduti per strada.

Esce proprio oggi in libreria "La locanda dei ricordi d'estate", libro che ho deciso di leggere dopo essere rimasta stregata dalla sua splendida copertina (non la trovate anche voi meravigliosa?).
La locanda di cui si fa cenno nel titolo è la "Summers' Inn", dove è cresciuta Mae, la nostra protagonista.
La storia inizia con Mae da sola nel letto.
Una notte si sveglia e non trova Peter, il suo futuro marito, al suo fianco.
Il suo fidanzato è in fuga, ha truffato Mae, i suoi nonni, gli amici e moltissime altre persone.
Lei si trova ora a dover affrontare la polizia, tutte le bugie che lui le ha detto da quando si conoscono. Peter l'ha lasciata sola, con il cane e l'abito bianco che ora non indosserà mai.
Mae ha bisogno di allontanarsi da tutto quello, così torna alla locanda dai suoi nonni, Lily e George, che l'hanno cresciuta quando è rimasta orfana.
Ad Alexandria Bay, Mae si imbatterà in Gabe, il suo amico d'infanzia, il suo ex ragazzo, che l'ha lasciata non nel migliore dei modi.
Mae fugge da New York in cerca di tranquillità ma alla locanda trova altri problemi.
Lilly sta perdendo la memoria e per errore, confessa un segreto che non doveva essere rivelato, perchè troppo doloroso per chi le sta vicino.
Lo scrigno dei ricordi viene aperto, i segreti riemergono dal passato, le bugie si sgretolano e quegli amori mai dimenticati, tornano a far battere i cuori.
Amori travagliati, segreti che mettono in discussione una vita intera.
Cuori infranti, verità inaccettabili.
Dolori che nascono dalla consapevolezza di non essere all'altezza di chi amiamo.

Fonte: Pinterest
Un romanzo dalla copertina incantevole, ma la cui trama non mi ha lasciata altrettanto soddisfatta.
Il testo è pieno di cliché, di scene romantiche già viste e riviste.
I personaggi seguono un po' tutti lo stesso schema, in pratica rivivono ciò che hanno già vissuto i loro parenti prima di loro, è come vedere la stessa storia ripetuta.
Peter poi sembra cadere nel dimenticatoio, per un po' tenta di emergere e tagliarsi il suo angolino nella storia, ma poi svanisce, arrendendosi al baratro. Peccato, perchè secondo me poteva arricchire la trama con qualche colpo di scena.
Gabe è poi un co-protagonista un po' tentennante, non fa che scappare, invece che lottare e sfoggiare un temperamento determinato, se ne va con la coda tra le gambe.
Lui che ha il cuore colmo d'amore, è incapace di affrontare le difficoltà.
Nemmeno Mae mi ha fatto impazzire, apprezzo però la sua capacità di cercare e accettare la verità. Non credevo ne fosse capace, non me lo aspettavo da lei, la credevo troppo leale per vedere i difetti in coloro che ama, invece, sotto questo punto di vista, sono rimasta sorpresa.
Una cosa che mi è piaciuta molto di questo libro è l'ambientazione, non tanto New York città (che vediamo nelle prime pagine) ma Alexandria Bay con i suoi molteplici isolotti che si possono raggiungere camminando sul ghiaccio in inverno. L'ho trovato molto suggestivo ... anche se pericoloso.
Alexandria Bay è infatti particolare per via dei suoi mille isolotti abitati (o almeno così si legge nel libro).
"La locanda dei ricordi d'estate" è, in definitiva, un libro che mi è piaciuto per alcuni versi e che mi è piaciuto di meno per altri.
Non è una lettura che bollerei come "sconsigliata" ma è anche vero che non rientrerà di certo tra le mie preferite.
Come molti altri libri, questo ha i suoi pregi e difetti, certamente non è una lettura impegnativa, spetta ora a voi decidere, dal quadro che vi ho fatto, se è una lettura adatta o meno a voi.
Assegno al libro:

- Trama: 3 - Narrazione: 3 - Personaggi: 3 - Cover: 4 - Finale: 3 -

3 Wonderland su 5

Dal libro:

- "Alex Bay non è la tipica cittadina turistica. Ha segreti e misteri, un passato oscuro pieno di pirati."

- "Fate qualcosa, qualcosa che non avete mai fatto prima."

- "Tutto finisce e inizia sempre con la verità."

2 commenti:

  1. Non sopporto le storie piene di cliché a sfondo romantico, però devo dire che l'ambientazione di questo libro mi attira.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Nemmeno io amo i clichè, preferisco evoluzioni più brillanti.

      Elimina