Translate

martedì 8 maggio 2018

Recensione Lettura di Gruppo: "Miss Alabama e la casa dei sogni" - Fannie Flagg


Editore Bur
Pagine 396
Prezzo Cartaceo 10,00 €
Prezzo Ebook 5,99 €
Prima Pubblicazione 2008
Genere Narrativa Straniera

Una vera signora sa sempre quand'è il momento di uscire di scena. E Maggie Fortenberry, affascinante sessantenne che conosce almeno 48 modi diversi di piegare un fazzoletto e non ha mai detto una parolaccia in vita sua, ha deciso che il suo momento è arrivato. Ex Miss Alabama e quasi Miss America, dei suoi sogni di ragazza Maggie ha realizzato ben poco: non ha conquistato un marito adorante, non ha avuto con lui la nidia ta di pargoli d'ordinanza, e oggi è una single depressa con una noiosa carriera da agente
immobiliare a Birmingham. Ormai ha deciso, vuole farla finita. Non senza però aver prima saldato ogni debito, sbrinato il frigorifero e salutato gli amici con un'impeccabile lettera d'addio. Ma quando tutto sembra finalmente pronto per girare l'ultimo ciak, ecco che un bizzarro scheletro in kilt manda all'aria i suoi piani. Nella villa dove l'ha ritrovato, e che Maggie ha ricevuto l'incarico di vendere, si celano infatti segreti che aspettano solo lei per essere svelati. E se poi a scombinare il suo progetto ci si mettono anche una dispettosa capretta dal muso nero e il ritorno inaspettato di un vecchio amore, ecco che forse organizzare la sua dipartita non è più così urgente...

"Miss Alabama e la casa dei sogni" è un libro particolare per via dell'ironia che serpeggia tra le pagine ma anche e soprattutto, per via di quel suo gruppo di protagoniste insolite.
In primo piano c'è Maggie, una donna di sessantacinque anni, ex Miss Alabama, che lavora come agente immobiliare.
E' la classica donna di "poco talento e molto fascino", dolce e gentile.
Un giorno, all'improvviso, sente che è arrivata l'ora di andare.
Senza indugi, prepara quindi il tutto, pulisce casa, chiude il conto in banca, fa gli acquisti necessari, impacchetta tutto e scrive il biglietto per le autorità, ma tra il dire e il fare ci sono di mezzo le amiche.
C'è Brenda con un debole per il gelato (che non può mangiare!), poi Ethel con i suoi ottantotto anni, veste sempre di viola, infine Hazel, la proprietaria dell'agenzia immobiliare in cui tutte lavorano e che dovremo accontentarci di conoscere solo attraverso le parole degli altri.
Insomma, Maggie, con la consapevolezza di stare per andarsene, inizia a fare le cose in modo diverso, nel modo in cui avrebbe sempre voluto farle, però, scoprirà anche che realizzare il suo progetto è più complicato del previsto ... (è stato snervante vederla tentare in continuazione! E anche un po' comico!).

di  LaVonne Hand
Come ho già detto, la bellezza di questo libro sta in quel gruppetto vario di amiche - colleghe che vanta la presenza di una nana, di una Miss Alabama e di una donna di colore.
Hazel è senza dubbio la punta di diamante, il mio personaggio preferito!
E' una donna che non si lascia frenare dai suoi limiti, si è sempre data molto da fare per realizzare i suoi progetti. E' esuberante, piena di energie, intraprendente! Il suo carisma conquista tutti coloro che la circondano.
Con la sua generosità, la sua vitalità, ha cambiato le vite di molte persone.
E' impossibile non amarla!
Come è impossibile non odiare la disonesta Babs, la concorrente senza scrupoli!
Per quanto riguarda la storia generale, sono combattuta.
Innanzitutto, nelle prime pagine sorgono tutta una serie di domande, le cui risposte però arrivano presto.
Ho trovato difficoltà a leggere questa prima parte, in quanto l'ho trovata piuttosto noiosetta. C'è Maggie che fa piani su piani, e si ha modo di conoscere tutti i vari personaggi, ma alla fine dei conti, la parte iniziale non è nulla di che.
Al contrario, da metà libro in poi, le cose si fanno più interessanti. Entra in gioco una casa antica e un mistero che ha reso la lettura molto più avvincente.
Il finale, invece, mi ha dato una soddisfazione enorme! Solo chi ha letto il libro può capirmi!
La narrazione di Fannie Flagg è poi pregna di umorismo, più di una volta è riuscita a strapparmi un sorriso con le (dis)avventure di Maggie e le sue compagne.
C'è da dire però che mi aspettavo qualcosina di più da questo libro.
Ho sentito così tanto parlare di questa autrice e dei suoi libri favolosi che mi aspettavo di leggere dei capolavori, invece, questo libro è sì amabile ma non eccezionale.
Sicuramente leggerò altro di Fannie Flagg.
Assegno al libro:

- Trama: 3 - Narrazione: 4 - Personaggi: 4 - Cover: 4 - Finale: 4 -

4 Wonderland su 5

Commenti dalla lettura di gruppo:

Maria Francesca:
"Anch'io ho preferito la seconda parte; l'ho trovata più dinamica rispetto alla prima."

Rossana:
"Il libro non mi ha entusiasmato molto un po’ lento all’inizio si movimenta verso la fine ma sinceramente a me non è piaciuto."

Manuela:
"Purtroppo il mio giudizio su questo libro non è pienamente positivo. Lo sviluppo della trama è un po’ troppo lunga, anche il cambio temporale e di personaggio tra un capitolo e l’altro non mi è piaciuto molto (per non parlare dei titoli!), anche il finale non mi ha fatto impazzire. Un po’ di movimento lo da il colpo di scena riguardante Edward.
Ho apprezzato però lo stile ironico, il personaggio di Brenda e ho amato Heazel, una piccola grande donna!"

Silvia:
"La prima parte per me è troppo noiosa mentre la seconda l'ho apprezzata tanto nel complesso il libro mi è piaciuto."

Roberta:
"A me non è dispiaciuta anche se un attimo l'ho trovata noiosa e ripetitiva (lei voleva farla finita). Per il resto molto bello perché l'ho trovato ben scritto. Il finale mi è piaciuto molto ha dato una svolta al romanzo!!!!
Una lettura da non sottovalutare!!!!!"

Marianna:
"Il libro é stato carino, mi aspettavo qualcosa di più, la storia ha fatto un po' fatica a decollare, nella parte centrale mi ha un po' annoiato, poi la fine é stata avvincente.
Lo stile dell'autrice mi è piaciuto, vorrei leggere qualche altro suo romanzo."

Clara:
"Carino, la seconda parte l'ho trovata più coinvolgente, mentre la prima parte un pò noiosetta. Nel complesso mi è piaciuto!!"

Roberta:
"Allora, devo dire che fino ad oltre la metà del libro è stato tutto molto noioso, però mi ha divertito molto con il suo piano per andarsene. Devo dire che il mistero della casa è stato molto piacevole da seguire e che ho adorato la figura di Hazel, un personaggio cosi carismatico merita un libro tutto per sè :) è scorrevole e ironico e anche molto divertente, sopratutto il personaggio di Brenda."

Stefania:
"Un po’ troppo rosa per i miei gusti ma molto carino e divertente."

Laura:
"Un libro dai mille risvolti, che torna indietro e indaga nel passato e butta una luce nuova al futuro.
Tanti i personaggi positivi di questo libro fra i quali spicca la determinata Azel: una vera forza della natura."

Federica:
"Una bella storia, dolce in cui le protagoniste sono tutte donne di una certa età, ognuna con i propri drammi e le proprie forze, ancorate ad un passato che ormai è svanito,ma decise a non arrendersi ad un presente in cui non si trovano.
Una storia sull' amicizia e sulla bellezza della vita.
Davvero molto bello."

Ada:
"Libro senza infamia né lode. La storia è noiosa e la carrellata di lieti fine per tutti un po' banale, infarcita di luoghi comuni.
Lettura comunque piacevole e benvenuta, in mezzo ai tanti thriller truculenti che imperversano ultimamente nel mondo editoriale."

Emanuela:
"Mah che dire di questo libro...avevo sentito davvero parlare molto bene di questa autrice diverse volte, e questa traccia è stata l’occasione per conoscerla ma ora dico...penso di aver scelto quello sbagliato e che questo non sia in effetti il suo meglio riuscito."

Gruppo lettura: 
Clicca qui: link

Dal libro:

- "Ma il tempo va solo avanti e ti trascina con sè, che tu lo voglia o no."

- "Così decisi di essere felice di com'ero."

- "Hazel era una di quelle creature su un milione che danno l'impressione di essere nate ridendo; uno di quegli esseri umani che solo raramente capita di incontrare nella vita."

2 commenti:

  1. Ciao, della Flagg ho letto solo "Pomodori verdi fritti" e mi è piaciuto davvero molto, tanto che ho visto anche il film! Mi sono ripromessa di leggere altro di suo appena avrò smaltito altre letture... peccato che questo non ti abbia soddisfatto in pieno!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non sapevo del film! "Pomodori verdi fritti" però voglio sicuramente leggerlo! Ne ho sentito così tanto parlare!

      Elimina