Translate

lunedì 24 agosto 2015

"Abitudini camaleontiche" - Annalisa Gasparotti


Editore BOOK SPRINT 
Pagine 136
Prezzo cartaceo 16,50 EURO  
Prezzo ebook 4,99 EURO 
Anno prima edizione 2014
Genere: Noir 


Lui e lei: due vite parallele in piena crisi di coppia. Lei metodica e razionale, lui con un animo d’artista e una losca abitudine... camaleontica. Scruteremo il protagonista in balia di uno stato mentale alterato, in cui traumi del passato, paure e pregiudizi avranno il sopravvento, portandolo a perdere il controllo di sé e finire in coma. Gli eventi travolgeranno la fidanzata, che dovrà fare i conti col lato oscuro del partner. Assisteremo all'intrecciarsi delle rispettive percezioni dell'esistenza, in un turbinio di ricordi e passioni. La stravaganza si mescolerà a poesia, arte, religiosità. Satanismo ed erotismo si sostituiranno l’uno all’altro su uno sfondo d’ironia che mette tutto in dubbio, tanto che si fatica a distinguere l’invenzione intellettiva del protagonista con la realtà. Seguiremo i loro passi fino alla fine, appurando come il vero mistero da risolvere stia nell’individuo, con l’impossibilità di coglierne appieno l’essenza e il continuo contrapporsi della realtà che appare e di quella che effettivamente è: cioè il rompicapo che, per secoli, è stato al centro del dibattito filosofico occidentale.







Credo di essermi persa. Non avete idea, miei cari Lettori, di quanto sia facile smarrirsi tra le pagine di questo libro.
Un testo folle, anche se non ho ancora deciso se lo è positivamente o negativamente.
Due protagonisti, un uomo ed una donna, un pazzo e la sua compagna. Una storia satanica, illuminata dalla flebile luce di candele nere e irritata dal suono di una chitarra rotta al cui interno giace un gattino incastrato.
Lui giace in coma dopo eventi che lo hanno portato alla pazzia, o forse lo era già prima di incontrare il diavolo?
Lei, inconscia di ciò che ha passato il suo fidanzato, si vede trasportata a forza in un mondo macabro. E forse, un po’ pazza lo diventa anche lei, in quanto, la prima cosa che fa dopo aver visto un cadavere nell’appartamento del suo ragazzo, non è chiamare la polizia ma andare a visitare un museo! Un comportamento assurdo, confuso, anormale.
Un libro complesso, profondo, che al suo interno racchiude metafore macabre e filosofia esistenziale.
Un’opera folle tanto quanto un viaggio di Dante nel Paese delle Meraviglie durante una permanenza di Alice nella Divina Commedia.
Questo testo mi ha destabilizzata tanto che non riesco a capire se mi sia piaciuto o meno.
È un genere diverso dal solito, non c’è che dire, ben scritto, ma non so fino a che punto sia riuscito a conquistarmi.
Per questo, assegno al libro:
3 stelle su 5

Dal libro: 

- "Se non sei tu a muoverti è la vita che si muove. Se non scegli, qualcun altro sceglierà per te."

- "Si desidera sempre qualcosa più grande di noi e quando lo si raggiunge è ormai troppo piccolo."

- "Qui tutto ciò che vedi non è ancora finito, certo si inizia, ma nessuno è mai finito."

9 commenti:

  1. mmh, mah... da un certo punto di vista sembra esser interessante, dall'altro insomma :/ mi inquieta un po' :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' un libro complesso, va compreso e non è troppo semplice come lettura

      Elimina
  2. Bella recensione! Non avevo mai sentito parlare di questo libro però il titolo è davvero intrigante e dopo aver letto la tua recensione ho deciso che lo aggiungerò alla mia lista di libri da leggere!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, il titolo è curioso, il libro proprio strano.
      Grazie :D

      Elimina
  3. voglio aggiungere questo libro alla mia lista sono curiosa di leggerlo

    RispondiElimina
  4. Questo libro è folle , pura pazzia !
    La psiche umana non ha limiti !!
    È un romanzo apparentemente normale anche se di normale ha ben poco. 
    Nulla è scontato e niente è come sembra. 
    Strano ma bello.
    Notevole il passaggio della sensazione tra giorno e la notte durante la lettura.
    Scritto in modo impeccabile. 
    La conclusione del mio cervello è stata :" L ' essere è un essere che quando scopre di essere non è più un essere "
    Leggetelo , merita molto.
    Buona lettura amici da Marilyn

    RispondiElimina