Translate

martedì 28 giugno 2016

Recensione: "Agatha Raisin e il ballo mortale" - M. C. Beaton


Editore Astoria
Pagine 316
Prezzo cartaceo 16,00 EURO 
Prezzo ebook 8,99 EURO
Anno prima edizione 2004
Genere Giallo

Le avventure di Agatha Raisin – 15º episodio. Agatha Raisin è una cinquantenne dal carattere difficile. Ottenuto successo e denaro con un’agenzia di PR, decide di mollare tutto, Londra compresa, e trasferirsi a Carsely, fiabesco villaggio dei Cotswolds. Lì, per la prima volta, capisce di essere sola: un matrimonio breve e disastroso alle spalle, un’infanzia misera e difficile l’hanno resa sospettosa verso gli altri, tanto poco incline ai rapporti umani quanto desiderosa di averne. E proprio per essere accettata, Agatha si trova invischiata nella sua prima avventura. Da lì in poi, un po’ per caso un po’ per scelta – tutto sommato in pensione si annoia – Agatha sarà coinvolta in un considerevole numero di casi.

Agatha Raisin è tornata e questa volta veste ufficialmente i panni dell'investigatrice privata.
Dopo tanti anni di indagini dilettantistiche, la nostra pimpante cinquantenne (ancora in ottima  forma!) apre finalmente una sua agenzia d'investigazioni.
Tra gatti scomparsi e ragazzini fuggiaschi, arriva anche un caso di minacce.
Una futura sposa riceve un biglietto anonimo con su scritto che verrà uccisa nel caso in cui sposi il suo attuale fidanzato. 
 Agatha viene quindi invitata a partecipare alla festa di fidanzamento, durante la quale non
mancherà di fare la sua esilarante e imbarazzante figura, che solo in un secondo momento si dimostrerà essere un atto eroico.
Agatha dovrà darsi molto da fare per scoprire il colpevole, soprattutto se consideriamo il fatto che lei stessa diventerà un bersaglio.
La curiosità e la sfacciataggine di Agatha, a lungo andare, l'hanno messa in pericolo, tanto che dovrà temere per la sua vita.
Una nuova indagine per Agatha, l'arcigna despota che non si fa scrupolo ad usare gli amici nel momento del bisogno e a dimenticarli poi un attimo dopo.
Un giallo dai molteplici casi e dai mille episodi di sbadataggine dell'impertinente Agatha.
Un nuovo capitolo delle avventure di una non più giovane impicciona, che questa volta se la vedrà davvero brutta.
Siete pronti ad indagare? Questa volta ne vedrete delle belle! 
Un testo scritto con vivacità, dalla narrazione scorrevole e dai personaggi singolari, che spiccano per le loro indoli inconsuete, fonti di svariati episodi comici.
In questo nuovo capitolo non vi aspettano solo indagini pericolose, ma anche scenate di gelosia, tentati omicidi imbarazzanti, voli last minute per Parigi e tacchini incendiari. 
Naturalmente, poi, avrete a che fare anche con Agatha, che altro non è che una Miss Marple più giovane e meno cordiale, una signora Fletcher più irosa e meno amichevole, un Sherlock Holmes al femminile, un pò distratto e con il vizio di innamorarsi.
Insomma, Agatha ha un caratterino tosto e difficile ma saprà come allietare le vostre giornate.
E' con estrema facilità che vi consiglio la lettura di questa saga, tanto briosa quanto inventiva. 
Ho letto con grande piacere anche questa sua nuova (dis)avventura, a cui assegno: 

3 Wonderland su 5

Dalla Lettura di Gruppo:

Irene
"Finito ora!!! Un libro simpatico che si legge facilmente, i personaggi sono tutti un po' strani nemmeno uno di normale direi forse i cattivi lo sono :-)!!!! È un libro che consiglierei a tutti per passare qualche ora immersi in una lettura scorrevole . Credo che leggerò altre storie di Agatha."

Dal libro:

- "Agatha era una drogata dell'innamoramento."

- "Nessuno che metta in guardia contro l'ossessione romantica, che è tanto più pericolosa se colpisce in tarda età."

- "Dovranno passare sul mio cadavere prima che i giornali scrivano che una femmina squinternata di un'agenzia investigativa di provincia ha risolto un caso che aveva messo in difficoltà l'Antiterrorismo." 

2 commenti:

  1. Ciao! Posseggo questo romanzo e vorrei tanto leggerlo, ma io sono un'accumulatrice compulsiva e quindi le pile si allungano e allungano e allungano...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche io faccio così! Siamo accumulatrici compulsive di libri!

      Elimina