Translate

venerdì 21 aprile 2017

Annunciati i finalisti del "Premio Giallo Indipendente 2017"


Salve miei cari Lettori,
in collaborazione con "Premio Giallo Indipendente 2017" annuncio i cinque finalisti della sezione A, libri editi, i cinque finalisti della sezione B, romanzi inediti e gli undici finalisti della sezione C, racconti inediti.

La premiazione, per i fortunati che passeranno il secondo step, avverrà Sabato 20 Maggio ore 16.00-18.30, nell'ambito degli eventi del fuori Salone-Salone Internazionale del Libro Torino 2017, presso la Libreria Belgravia. 

"Premio Giallo Indipendente 2017" si propone di dare riconoscimento e visibilità a tutti quegli autori/autrici di gialli/noir/thriller/polizieschi che pubblicano con case editrici indipendenti di piccole e medie dimensioni, oltre a dare una nuova opportunità di pubblicazione a chi avesse un romanzo o un racconto giallo inedito nel cassetto.

Sezione A, libri editi

Come il mare ad occhi chiusi, di Elena Grilli
Monte San Vito (AN)


Cuore di femmina, di Anna Brasi
Roma


Finis Terrae, di Gian Luca Campagna
Latina


La donna di cuori, di Giovanni Prodi
Ravenna


La luna scomparsa, di Michele Barbera
Menfi (AG)




Sezione B, romanzi inediti

117r giallo arconati, di Franco Busato
(Bollate)

Circostanze Apparenti, di Roberto Aldovini
(Coccaglio)

Il segnalibro, di Davide Nani
(Ferrara)

Non si perdona, di Giuseppe Della Misericordia
(Varese)

Omicidio Bauer, di Daniele Torquati
(Pisa)

Sezione C, racconti inediti 

Doppio delitto a camera chiusa, di Andrea De santis
(Fermo)

Il lago non dimentica, di Giuseppe Borasi – Gianluca Ongaro, 
(Cadorago e Alessandria)

Karma, di Raffaella La Villa
(Novara)

La gattara di via Milano, di Laura Sergi 
(Savona)

L’attimo fuggente, di Carmelo Polese
(Alghero)

L’eredità dello zio Antonio, di Clara Scarsi
(Rocca Grimalda)

Nulla di improvvisato, di Carla Pelli
(Roma)

Ombre dal passato, di Silvia Gaspari
(Azzano Mella)

Piove sempre a Porto Venere, di Enrico Strappetti 
(Roma)

Senza motivo, di Guido Vianello
(Venezia-Mestre)

Tre volte, di Romolo Giovanni Capuano
(Casagiove)

1 commento: