Translate

mercoledì 16 dicembre 2015

"Il Viaggio. Volume I" - Francesca Riscaio


Editore NARCISSUS
Pagine 430

Prezzo ebook 2,49 EURO
Anno prima edizione 2015
Genere: Fantasy 

Alla fine della Quarta Era di Nael, un gruppo di cavalieri di Sar,
ultimi discendenti del popolo degli Astani, si imbatte, suo malgrado, in un antico manufatto dal sorprendente potere, fuso con il braccio di una giovane donna senza memoria. L’evento determina una catena di avvenimenti che sconvolgerà per sempre le loro esistenze, minando la stabilità dei regni delle Terre Continentali e delle genti che le popolano: il destino dei mortali verrà ancora influenzato dal fato di esseri e razze le cui tracce sono perse nella notte dei tempi. Così inizia il viaggio degli ignari protagonisti di un disegno generatosi dal più improbabile degli incontri: un Aran Gan Har che sfugge le sue genti, un condottiero traditore di Sar, un Selnita reietto dell’Esercito della Notte Perenne si muoveranno alla ricerca della Portatrice, nel disperato tentativo di salvarla dal potere della reliquia di cui è prigioniera e di sottrarla alle trame dell’Imperatore della Luce e del Cerchio dei Maghi, mentre il Dio dimenticato della Tenebra e del Fuoco compie la sua vendetta.








Miei cari Lettori, lasciate che ve lo dica: sono sfinita!
Dopo due letture consecutive con più di 400 pagine ciascuna, sono decisamente frastornata, però non posso certo dire che siano state letture da gettar via!
Questa volta, mi è toccato un fantasy incentrato su un’avventura particolare.
Tutto il libro ruota attorno a una misteriosa donna al cui braccio è fuso un potente manufatto che assomiglia a un bracciale con tanto di artigli … un po’ alla Wolverine.
La donna, però, non ha memoria, né sulla sua identità, né riguardo all’oggetto misterioso che ben presto dimostrerà di essere animato e oscuro.
La nostra protagonista affronterà un lungo viaggio attraverso vari regni delle Terre Continentali, per scoprire qualcosa in più su di sé e sul marchingegno che si porta appresso. Al suo fianco, ci saranno Sion, condottiero di Sar e Rag Nar, un uomo lupo della razza Aran Gan Har.
Loro tre assieme si scontreranno con svariate persone di diverso lignaggio, dovranno battersi per la loro vita, per restare assieme e per proteggersi a vicenda.
Un fantasy dai personaggi inusuali e dai nomi decisamente strambi e articolati. Figlie della lupa, soldati neri, umani corrotti dal potere e maghi meschini e potenti.
Un viaggio che rammenta un po’ “Il signore degli anelli”, ma con protagonisti alternativi, descritti tutti con egual misura e attenzione.
Curiosa l’idea del manufatto, singolare la decisione di donargli un’anima sua, in grado di predominare a tratti, quella della sua portatrice.
Da donna gentile, compassionevole, dall’animo puro, in balia del manufatto si trasforma in una figura scaltra, forte, sicura.
Un punto a favore del libro viene assegnato grazie alla meravigliosa mappa delle terre Halea-Viol che compare ad inizio libro.
Nobile è, inoltre, uno dei messaggi sottintesi del testo: anche coloro che si sono fronteggiati in battaglia per secoli, odiandosi, possono divenire amici e schierarsi sullo stesso fronte o, in questa occasione, unirsi per proteggere la medesima persona amata.
Un racconto avvincente, particolare, forse dalla trama non troppo originale, ma descritto e realizzato degnamente.
Insomma, chi si aspettava di trovare una così epoca avventura nello stesso libro che riporta una copertina così blanda e un titolo decisamente banale?
Io non di sicuro, per questo sono rimasta piacevolmente colpita da questo primo capitolo della saga.
Assegno al libro:
3 stelle su 5

Dal libro:

- "Tutto ciò che esiste ha valore in quanto è."

- "Sembra esserci una condanna per ogni cosa, nel mondo a cui appartenete ..."

- "Non sei tu a poter decidere sulla giustizia o meno delle decisioni dei tuoi amici per loro stessi."

2 commenti:

  1. La copertina in effetti non dice granchè.. fa forse è proprio l'esempio perfetto di quando si suol dire "non giudicare un libro dalla copertina!".
    Bella la tua recensione! Questo romanzo sembra interessante... mi sa che riprenderò a leggere il fantasy!

    RispondiElimina