Translate

martedì 26 maggio 2015

"Il ritratto" - Irene Milani


Editore LETTERE ANIMATE 
Pagine 226
Prezzo ebook 1,99 EURO
Prezzo cartaceo 16,00 EURO
Anno prima edizione 2014
Genere: Narrativa italiana 



Cosa può nascondersi dietro un disegno apparentemente
inspiegabile? Quali segreti e bugie può far scoprire l'incontro con un ragazzo misterioso quanto affascinante? È quello che dovrà scoprire Isolde, diciottenne trentina alle prese con le conseguenze della separazione dei genitori, con il trasferimento in una nuova città e in una nuova scuola alla vigilia della maturità, lontana dalle amiche del cuore, e con la prima delusione d'amore. Nonostante il momento difficile saprà reagire e affermare la propria personalità, a dispetto di quanto gli altri vorrebbero imporle, per vivere una vita non schiava dei fantasmi del passato.







Due ragazzi. Un amore travagliato. Un antagonista perfido e senza scrupoli. Tanti amici pronti ad aiutarli e a consigliarli. Vi viene in mente un libro in particolare, per caso? Se vi dicessi poi che i due protagonisti si chiamano Tristan e Isolde?
No, miei cari Lettori, non vi sto parlando né della storia di Tristano ed Isotta, né della storia di Romeo e Giulietta, anche se ci siamo molto vicini.
Isolde ha diciotto anni e a causa della separazione dei genitori, decide di lasciare Bolzano per trasferirsi dai nonni paterni a Trento, dove inizia a frequentare anche l’ultimo anno del liceo scientifico.
Nuova casa, nuova scuola, nuovi amici. Per Isolde inizia un periodo turbolento, caratterizzato da nuovi incontri ma, soprattutto, da nuovi amori.
Una persona in particolare, infatti, cattura l’attenzione della nostra eroina: Tristan, un ragazzo che, come Isolde, si è appena trasferito nella nuova scuola.
Tra i due scatta subito un feeling speciale, si sentono inspiegabilmente attratti l’uno dall’altro, ma il loro amore appena nato, è destinato a cadere nell’oblio più profondo.
Un segreto di famiglia si intromette tra di loro, separandoli prima ancora che abbiano la possibilità di conoscersi realmente.
Le famiglie di Tristan e Isolde sono, infatti, in diatriba tra di loro per i fatti accaduti il 12 Settembre 1944 a Bolzano. Questo evento è un fatto storico realmente accaduto e parla di una fucilazione da parte dei soldati tedeschi nei confronti di soldati e civili italiani.
Non vi celo il fatto che all'inizio consideravo azzardata la decisione di inserire proprio quel particolare avvenimento nella trama, ma poi mi sono ricreduta.
Raccontare quell'evento tramite la storia di Tristan e Isolde è un modo per non far cadere nel dimenticatoio fatti di un passato tetro, ma è anche un espediente per far soffermare il Lettore sull'importanza del saper perdonare.
Tristan e Isolde, infatti, non possono amarsi a causa del dolore e della vergogna che ancora attanaglia i cuori delle due famiglie.
Isolde, in particolare, per cercare di acconsentire al volere della famiglia, cerca di dimenticare Tristan, mettendosi con un ragazzo che mi ha stupita per la sua superficialità.
Quando Isolde si è messa con Chris, infatti, sembrava che intraprendessero, più che una relazione amorosa, un rapporto di lavoro!
In generale, però, i vari personaggi del libro sono tutti ben delineati, sia dal punto di vista del carattere che dell’aspetto.
La narrazione del libro è fluida e in grado di catturare tutta la vostra attenzione (infatti sono riuscita a smettere di leggere il libro solo alle 2.30 di notte quando ho terminato la lettura!).
Le cose che ho apprezzato di più di questo testo sono i riferimenti ad altri libri della letteratura straniera ed italiana, nonché gli accenni ad opere d’arte e le descrizioni, scritte in modo tale che per me era semplicissimo immaginarmi i luoghi e le situazioni narrate.
Mi è piaciuto il fatto che nel testo venissero inseriti dettagli accurati e precisi, che rendevano il libro più reale e l’immedesimazione in esso più semplice.
A livello di testo ho trovato qualche errore di battitura e alcune rare ripetizioni nei dialoghi, ma sono piccoli dettagli che hanno inciso in minima parte sull'opinione positiva che ho del libro.
In conclusione posso dire che questo è un libro che ti ricorda quanto è importante saper perdonare, portare rancore non serve, a volte bisogna essere forti e avere il coraggio di andare avanti per il bene delle persone che amiamo.
Dalla storia si impara, forse è arrivato il momento anche per Giulietta e Romeo di godersi il loro lieto fine!
Per quanto è riuscito a trasmettermi, per la sua morale di fondo, assegno al libro:
       
3 stelle su 5

Dal libro: 

- "... perchè dovevi essere proprio tu ..."

- "(...) avevamo ereditato delle colpe non nostre e, tutti e due, in quel momento provavamo un misto di odio e rabbia nei confronti delle nostre famiglie."

- "Non è l'unico ragazzo carino. Non devi accettare la sofferenza."

- "Davanti ad un piatto di spaghetti fumanti, con Tristan vicino, la vita mi sembrò d'un tratto più bella."

- "Il perdono è sempre la miglior soluzione. Bisogna sempre guardare avanti."

20 commenti:

  1. Bellissima recensione e anche se gli hai dato solo tre stelline mi hai fatto venir voglia di leggerlo! :D

    RispondiElimina
  2. Io sono nata e cresciuta in Trentino XD
    Questo libro dev'essere mio! ^_^

    RispondiElimina
  3. Claudia, scusa se mi permetto di dire una cosa, non vuole essere assolutamente una critica... Secondo me, dovresti cercare di alleggerire un po' il blog, faccio veramente fatica a caricare le pagine e si blocca in continuazione :(

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A me no, forse dipende dal modello del computer.

      Elimina
    2. può anche essere! Il mio non è super potente =(

      Elimina
  4. Mi diventa un po' difficile seguire i tuoi post :( scusa se ti è sembrata una critica e/o ti ho offesa!

    RispondiElimina
  5. Il libro non fa per me, anche se dalla trama sembra interessante.
    Meravigliosa la nuova versione del blog!

    RispondiElimina
  6. Federica ha ragione! Idem non voglio criticare nessuno, ma il mio computer è di una lentezza unica e questo blog non riesco mai ad aprirlo >.< Aspetto sempre il fine settimana per tornarci e dare un'occhiata! La grafica mi piace molto, ma forse il fatto della canzone (anche se la trovo un'idea geniale) e le animazioni che escono, lo appesantiscono parecchio :(

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A me mi apre subito, probabilmente dipende anche da quanto è datato un computer.

      Elimina
    2. però non è che sia così vecchio! Ha 2 anni!!! Diciamo che la grafica è un pochino pesante e, non essendo un super computer, fa un po' fatica!

      Elimina
    3. però già adesso va motlo meglio, penso abbia tolto qualche effetto grafico (tipo le farfalle) ed è già molto più agibile!

      Elimina
  7. E cmq ho notato che adori i gufi come me <3

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Un'altra fan dei gufi?! *_* li adoro anch'io!

      Elimina
  8. Io dovrei leggere questo libro, in effetti! Me l'aveva mandato in ebook l'autrice, lo devo assolutamente leggere!
    Sembra bello, però!

    RispondiElimina
  9. sarà pure interessante ma che brutta la cover!

    RispondiElimina