Translate

giovedì 21 maggio 2015

"Muori con me" - Karen Sander


Editore GIUNTI 
Pagine 400
Prezzo cartaceo 12,90 EURO 
Prezzo ebook 6,99 EURO
Anno prima edizione 2013
Genere: Thriller 

Cinquant'anni e una tempra forgiata dalla lunga esperienza nella
Omicidi, il commissario Georg Stadler crede che ormai niente possa più sconvolgerlo. Ma quando entra in quel lussuoso appartamento nei quartieri alti di Düsseldorf, si rende subito conto che non c'è limite alle mostruosità concepite dall'animo umano: le pareti, il soffitto e il pianoforte bianco sono imbrattati di sangue; al centro, una donna orribilmente massacrata, sul cui corpo l'assassino ha lasciato una bambola, nuda. Forse un messaggio cifrato? Contro il parere dei superiori, Stadler è convinto che ci sia un serial killer in circolazione e chiede l'aiuto di Elisabeth Montario, una psicologa criminale nota per aver risolto una serie di casi in cui la polizia brancolava nel buio. Liz, trentenne dai lunghi riccioli rossi, non può fare a meno di accettare, benché sia già alle prese con un mistero da risolvere. Uno stalker sempre più aggressivo la tormenta con lettere di sfida: "Trovami. Prima che sia io a trovare te". Parole minacciose che fanno riaffiorare il ricordo di qualcuno che aveva amato, anche dopo averne scoperto la natura profondamente malvagia. Intanto gli omicidi subiscono un'escalation di brutalità e il killer riuscirà a coinvolgere Liz e Stadler in un gioco efferato, risvegliando proprio quegli incubi che la psicologa credeva sepolti per sempre.
 





Quando ho iniziato a leggere questo libro, ero a pranzo. In una mano avevo la forchetta, nell’altra il libro e fin dalle prime pagine, ho capito che quella mia decisione non era stata tra le più geniali.
L’inizio del libro è decisamente raccapricciante, è uno di quegli inizi che indubbiamente ti fa passare la fame per un bel po’!
Il commissario Georg Stadler è un abile poliziotto che, in un periodo decisamente prolifero per gli assassini, si ritrova a dover lavorare su due casi di omicidio.
Sulla sua scrivania c’è, infatti, il caso inerente all’orrendo omicidio di un transessuale, annesso, in seguito, a l’assassinio di una donna che si era fatta operare in precedenza per cambiare sesso; inoltre c’è anche il caso di un pirata della strada che aveva volontariamente investito un ciclista, che altri non era che un collega di lavoro della psicologa criminale Elisabeth Montario.
Quest’ultima, per un fortuito caso, era stata ingaggiata dal commissario Stadler per elaborare il profilo del serial killer che uccide le donne che in precedenza erano uomini, squartando loro il ventre e privandole degli organi interni, sostituendoli poi con una bambola, simbolo dell’imperfezione della loro femminilità.
Stadler e la Montario non hanno ancora idea di quanto quei crimini li colpiranno da vicini.
Un libro dalla trama intrigata e ben articolata. Ogni capitolo cela in sé un piccolo enigma, un’elettrizzante suspense.
La cosa accattivante di questo libro è che ogni personaggio possiede un’elaborata psicologia che lo contraddistingue.
Il commissario è un personaggio forte, deciso, abile e coscienzioso, inoltre, a quanto pare è anche dotato di un certo fascino, cosa che non guasta mai!
La dottoressa Montario, per quanto professionale e seria, è tormentata dai fantasmi del suo passato che, come in un incubo, tornano per farle rivivere paure ed ansie che credeva di aver ormai superato.
Un giallo tinto di rosso, che catturerà la vostra curiosità, vi impressionerà e fino all’ultimo vi obbligherà a leggerlo.
Un testo ricco di descrizioni basilari ma d’impatto. Un intrigo macabro che, sono certa, vi divertirete a risolvere. Un libro che non vi pentirete di leggere.
Tra queste pagine ho scordato il mondo esterno, e mi sono arrendevolmente lasciata conquistare da questa storia di rivincite e orrori.
Un thriller consigliato agli amanti del genere e a chi è sempre eccitato all’idea di immedesimarsi nei panni del detective.
Un libro da:
4 stelle su 5

- "Così gli ha tagliato la gola e poi, per essere sicuro che fosse morto, gli ha dato sei coltellate. Ma non era abbastanza, il suo conflitto emotivo non si era ancora risolto."

- "Non aveva intenzione di far del male a degli innocenti, era evidente. Si stava vendicando dei responsabili del suo destino infelice, ma quelli che non c'entravano nulla li risparmiava."

- "(...) a volte bisogna solo accettare che certe cose non cambieranno mai."

9 commenti:

  1. O sono io la gran fifona, oppure non è il genere che fa per me! :O
    Solo la trama mi mette ansia ahahah

    RispondiElimina
  2. Mi piacciono i gialli! E sembra proprio che questo faccia al caso mio!

    RispondiElimina
  3. L'ho letto e lo consiglio vivamente a chi ama i gialli! Concordo con tutto ciò che ha scritto Claudia!

    RispondiElimina
  4. Mmm Federica mi hai incuriosita :D Io lo avevo escluso perchè mi faceva troppa paura ahahah
    Anche se mi piacerebbe molto leggere qualcosa del genere! E allora quasi quasi gli do una maggiore occhiata :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vai tranquilla! ;) è veramente un buon libro!

      Elimina
  5. Sembra inquietantissimo! Però a costo di non dormire la notte devo leggerlo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ahahahah XD un po' lo è, effettivamente! Però leggilo, ne vale la pena!

      Elimina
  6. No ti supplico a pranzo no! Non questo genere hahahahah

    RispondiElimina