Translate

mercoledì 7 marzo 2018

Come catalogare i propri libri

Per la rubrica:

I Lettori più organizzati amano catalogare i propri libri.
I più tecnologici e pratici usano un foglio di Excel o Word, oppure programmi come Goodreads.
I tradizionalisti, preferiscono la carta e tra questi ci sono quelli che usano un elegante taccuino Moleskine Journal Book, oppure un comodo Midori (un'agenda di origine giapponese nella quale si possono inserire o togliere le pagine in tutta semplicità).
Moleskine Taccuino Passion Journal Book
Midori
Io utilizzo invece due raccoglitori con anelli (uno per i cartacei, uno per gli ebook).
Devo ammettere però che non sono comodissimi, soprattutto quando sono quasi pieni e si fa fatica ad inserire altri fogli. A confronto, molto meglio una Midori, la puoi gestire con più facilità.
I miei raccoglitori sono suddivisi in ordine alfabetico ma non è stata una scelta saggia perché ciò mi obbliga a scrivere da una sola parte del foglio, perchè se scrivessi anche sul retro e poi leggessi un libro di un autore il cui nome va inserito proprio lì in mezzo, non potrei dividerli.

Consiglio: 
Non catalogate i libri per ordine alfabetico ma per ordine di lettura.
Man mano che finite un libro, lo annotate e lo inserite semplicemente nel vostro catalogatore, dietro al libro precedente.
Per trovare facilmente i libri, consiglio poi di numerare le pagine e inserire un indice a fine raccolta in ordine alfabetico (per titolo o autore) con poi il numero della pagina.

Per ogni libro, io annoto: 

1. Titolo
2. Autore 
3. Editore
4. Pagine
5. Prezzo
6. Genere
7. L'anno della mia edizione
8. L'anno della pubblicazione del libro
9. La lingua originale 
10. Trama
11. Il mio voto
12. La frase più bella del libro

Consiglio:
Per fare prima, è sufficiente inserire titolo, nome dell'autore, trama, volendo il numero delle pagine e il vostro voto o una vostra opinione.
Se catalogate per ordine di lettura, potreste anche mettere la data in cui l'avete finito.

All'inizio di ogni sezione, io poi inserisco anche una bustina trasparente con all'interno un foglio con sopra stampate le copertine dei libri. Sicuramente un lavoro superfluo! Infatti, è da un po' che non le aggiorno.
A fine raccoglitore, invece, ho un indice dove suddivido i titoli per casa editrice.

Consiglio:
Per rendere più colorata la vostra agenda, potete usare le penne colorate.

4 commenti:

  1. Sai che io invece trovo l'idea delle copertine davvero carina ed originale *-*
    Io al momento sto usando una vecchia agenda per segnare sia i libri che leggo che quelli che compro ma a kivello grafico non mi piace per nulla per cui ora prendo spunti per inventare anche io una catalogazione più ordinata e bella a vedersi *-*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io catalogo solo i libri letti, invece metto i titoli di quelli ancora da leggere in agenda e man mano che li finisco, li barro e li inserisco nel raccoglitore.

      Elimina
  2. Io uso il pc. Un foglio di word a due colonne, autore e titolo.
    Ho fatto questa suddivisione.
    Su ogni scaffale ìho messo libri diversi, saggistica, narrativa italiana, narrativa straniera, poesie, narrativa sudamericana, classici...
    I libri sono poi infilati a forza negli scaffali, tipo martello, presente?, riunendo tutti i libri per ogni autore. Tutto Baricco, tutto Sepulveda, tutto Neruda eccetera.
    Funziona bene... finchè non ci mettono le mani marito e figlia perchè a quel punto.... grrrr
    Ciaoooo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Capisco bene la situazione, anche i miei libri sono infilati a forza nei ripiani! Non ti dico che fatica ogni volta che devo inserire un nuovo testo!

      Elimina