Translate

lunedì 10 ottobre 2016

Recensione: "Il gioco del male" - Marsons Angela


Editore Newton Compton
Pagine 384
Prezzo cartaceo 9,90 EURO
Prezzo ebook 4,99 EURO
Anno prima edizione 2015
Genere: Thriller

Quando viene rinvenuto un cadavere mutilato, la detective Kim Stone e il suo team sono chiamati a investigare. Sembra un semplice caso di vendetta personale, ma l’omicidio è solo il primo di una serie di delitti che via via diventano più cruenti. È evidente che dietro tutto questo c’è qualcuno con un piano preciso da realizzare. Mentre le indagini si fanno sempre più
frenetiche, Kim si ritrova nel mirino di un individuo spietato e deciso a mettere in atto il proprio progetto criminale, a qualunque costo. Contro un sociopatico che sembra conoscere ogni sua debolezza, la detective Stone si rende conto che ogni mossa potrebbe esserle letale. E così, mentre il numero delle vittime continua a crescere, Kim dovrà considerare ogni minima traccia, perché con un avversario del genere anche la più remota pista va percorsa per fermare il massacro. E questa volta è una questione personale.

Alcuni di voi, miei cari Lettori, avranno forse già avuto modo di conoscere il detective Stone, grazie al libro "Urla nel silenzio", primo volume di questa saga thriller.
Io, invece, ho fatto la conoscenza di questo avvincente personaggio mediante quest'ultimo libro, che narra di una nuova indagine che si evolve a livello psicologico.
E' un'avventura al femminile, una battaglia tra due donne forti ma dai principi diversi, che si scontrano su un piano completamente mentale.
Entrambe con un passato da nascondere, ma in cui risiedono i perché della loro indole.
Una manipolatrice, l'altra retta e schiva. Una gli assassini li crea, l'altra li arresta.
Una l'antagonista dell'altra, entrambe schierate in una lotta troppo fine per essere percepita da altri.
Un libro dove i falsi eroi indossano la maschera della giustizia, e dove i buoni sono tormentati dagli incubi di un passato che non può cambiare.
Un testo dalle scene, a tratti, troppo enfatizzate, ma dalla costruzione della storia molto reale.
Mi è venuto un mezzo colpo quando ho letto che una psicologa si faceva pagare 300 sterline all'ora
per una seduta (altro che andare in terapia! Con quei soldi io mi sarei fatta una bella vacanza! Devono essere proprio pazzi per andare da lei).
Ho trovato la trama non particolarmente originale, mi ero già imbattuta prima in una storia simile, tuttavia ha la peculiarità di avere dei personaggi che spiccano per la minuziosità con cui sono delineati.
I loro tratti psicologici sono estremamente marcati e influenzano molto l'andamento delle vicende narrate.
La meticolosità con cui la scrittrice ha curato e perfezionato i suoi protagonisti mi ha colpita decisamente in positivo.
Numerosi i fatti racchiusi nel testo che danno da pensare.
E' giusto rispondere con il male al male?
La vendetta è l'unica cosa in grado di darci soddisfazione, pace?
Cos'è la vera giustizia, fare male a coloro che ci hanno ferito o vederli rinchiusi in prigione?
Le risposte a queste domande le affronterete nel libro. Ognuno di voi dovrà cercare la propria verità.
Un thriller dentro cui perdersi, dalle pagine piene di indagini intricate quanto tristemente disumane.
Una lettura che ti stuzzica la mente e ti tiene legato alle pagine fino all'ultima sensazionale parola.
Un primo incontro con la scrittrice Angela Marsons superlativo!
Adesso non posso che recuperare il primo volume e immergermi di nuovo nei misteri abilmente costruiti della Marsons.
Un libro a cui assegno:
4 Wonderland  su 5

Dal libro: 

- "Niente è più illuminato. Prima di quella notte pensavo di riuscire a vedere la luce in ogni cosa."

- "La coscienza non è un comportamento. La sentiamo."

- "Liberare il passato l'avrebbe consumata."

15 commenti:

  1. Ciao,ho letto la tua recensione :) Molto bella e dettagliata. Comunque io sono del parere che bisogna far sempre del bene,e quando si riceve del male bisogna solo voltare pagina perchè chi male fà male avrà ;) Se ti va' fai un salto da me! Il mio è un blog aperto da poco <3 Complimenti ancora!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao! Grazie per essere passate da me e avermi lasciato la tua opinione. Passerò sicuramente a trovarti :D

      Elimina
  2. Ho letto il promo volume e mi era piaciuto molto. Sono felice di costatare, leggendo la tua recensione, che il secondo volume non è da meno :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il primo volume a me è sfuggito ma ho letto con gran piacere questo :D

      Elimina
  3. Ho già letto Urla nel Silenzio e spero di leggere presto anche questo. Mi è piaciuta molto questa autrice e so che mi piacerà anche questo suo nuovo lavoro

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io l'ho conosciuto proprio attraverso questo libro, e siccome mi fido di voi, mi sa che recuperò anche il suo primo scritto

      Elimina
  4. ho letto il precedente e non mi e' dispiaciuto, mi segno anche il secondo grazie

    RispondiElimina
  5. Bella recensione, complimenti. Il primo volume mi era abbastanza piaciuto, spero di leggere anche questo.

    RispondiElimina
  6. Bellissima recensione! Mi hai chiarito le idee ;D

    RispondiElimina
  7. Avevo qualche dubbio su questo libro, ma mi hai convinto. Lo metto in wish list!
    ciaooo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non mi resta che augurarti buona lettura! Aspetto il tuo commento finale :D

      Elimina
  8. Ciao! Avevo letto e recensito Urla nel silenzio (link: http://nientedipersonale.altervista.org/urla-nel-silenzio/) e lo avevo adorato. Si era ben meritato secondo me le 5 vedovine assegnatagli e sinceramente ho un po' timore a leggere Il gioco del male.

    E se non fosse bello come il primo? E se la sua protagonista si svelasse troppo o troppo poco? Il gioco del male è un libro che vorrei leggere questo mese, tempo permettendo e challenges permettendo.

    Ti farò sapere la mia opinione in merito una volta letto!

    RispondiElimina