Translate

sabato 18 aprile 2015

"Il treno per la campagna" - Kerry Greenwood


Editore POLILLO 
Pagine 186
Prezzo cartaceo 15,90 EURO 
Anno prima edizione 1991
Genere: Giallo storico

Torna, dopo le indagini del Re della neve e di Morte di un marito, la spregiudicata e indipendente Phryne Fisher, il detective privato più affascinante dell’Australia degli anni Venti. Questa volta è un innocente viaggio in treno a trasformarsi in un’incredibile avventura. Svegliata da un terribile odore di cloroformio che ha invaso lo scompartimento nel quale si trova, Phryne non esita un attimo: manda in frantumi un finestrino con
un colpo di rivoltella e tira l’allarme per far fermare il treno. A quel punto scopre che tutti i passeggeri della carrozza sono stati narcotizzati e che un’anziana signora che era in compagnia della figlia è inspiegabilmente scomparsa. Ma le sorprese non sono finite, perché tra i viaggiatori c’è anche una ragazzina che sembra aver perso del tutto la memoria. Ce n’è a sufficienza per stuzzicare la curiosità di Phryne che, quando il corpo dell’anziana signora viene trovato senza vita a poca distanza dal treno, decide di investigare. Tra colpi di scena, imprevedibili situazioni e la piacevole compagnia di un aitante studente di legge, Phryne verrà a capo di una vicenda che si rivelerà molto più intricata di quanto pensasse.

 






Siamo nella Melbourne degli anni ’20. Un’insolita signorina dall’aspetto attraente, Miss Fisher, sta viaggiando in treno assieme alla sua cameriera e dama di compagnia Dot.
Si stanno recando a Ballarat per incontrare vecchi parenti dell’Hon. Phryne Fisher, il viaggio procede tranquillamente, quando, poco prima di arrivare alla fermata di Ballan, l’investigatrice Phryne si sveglia di soprassalto riconoscendo nell’aria l’odore di cloroformio.
Il vagone di prima classe su cui Phryne e Dot stanno viaggiando è stato narcotizzato e se Miss Fisher non si fosse tempestivamente svegliata, i morti avrebbero raggiunto un numero di molto superiore ad uno.
Il cloroformio, infatti, era stato usato per addormentare tutto il vagone, affinché l’assassinio potesse agire indisturbato.
All’appello manca l’anziana Mrs Henderson, collerica madre della signorina Henderson, ora in fin di vita, a causa delle ustioni sul volto provocatole dal cloroformio.
A questo increscioso delitto, si aggiunge il mistero legato ad una bambina sconosciuta che ha perso la memoria.
Un altro doppio enigma per l’affascinante ed eccentrica Miss Fisher.
Un’indagine accattivante, folgorante fin dalle primissime pagine. Un mistero intriso di cloroformio, in un’epoca sfavillante.
Sfortunatamente avevo già visto l’episodio televisivo legato al libro, quindi sapevo già come sarebbe andata a finire, ma per chi ancora non conosce questa serie, sarà una sorpresa dietro l’altra.
Mi rammarico del fatto che non siano stati tradotti in italiano tutti i libri della saga, fortunatamente, però, posso ancora seguire le avventure di Miss Fisher in televisione.
Consiglio il libro a chi ama le protagoniste fiere e temerarie, a chi ha una passione per gli anni del charleston e per chi un giro su una Hispano-Suiza se lo farebbe volentieri.
Assegno al libro:

4 stelle su 5

Dal libro: 
- "(...) ero poverissima, povera come credo sia stata anche tu e sono stata salvata e ritengo di dover ricambiare il favore." 

- "Non era geloso ... o, perlomeno, non in quel senso. Era seccato che una donna, una qualsiasi donna, osasse sfidarlo ... (...)."

- "Ci deve essere una ragione in tutto ciò, pensò, e si addormentò mentre tentava di scoprirla."

12 commenti:

  1. Serie interessante, peccato che in italiano non ci sia tutta.

    RispondiElimina
  2. Odio quando iniziano a pubblicare una serie e poi si interrompono! :/ ti fanno passare la voglia di iniziare a leggerla nonostante sia molto interessante!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Concordo! Se non hanno intenzione di portarla al termine, tanto vale non pubblicare nemmeno il primo libro!

      Elimina
    2. Purtroppo le case editrici puntano sull'impatto che il romanzo ha sulla gente. Se non vende smettono la pubblicazione dopo il primo, e pazienza se a pochi è piaciuto.

      Elimina
    3. =( non è affatto giusto, però!
      Odio dover interrompere le saghe!

      Elimina
    4. Ti capisco! Questa è una saga interessante, peccato che ne abbiano tradotto solo tre libri!

      Elimina
  3. Sono d'accordo con te! Bello quanto vuoi, ma io se non vedo che è una serie completa aspetto prima di comprarla!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non capisco perchè quando scelgono di iniziare una seria non la finiscono!! Odio quando mi fregano in questo modo!

      Elimina
    2. Esatto! È una cosa che detesto! Come quando, non si sa bene come nè perché, ad un certo punto della saga, cambiano il formato del libro! Ma perchè?!

      Elimina
    3. l'hanno fatto anche con i libri de "Il diario di Stefan", una cosa insopportabile!

      Elimina
  4. le serie incomplete mi spiazzano

    RispondiElimina