Translate

domenica 13 marzo 2016

Recensione: "Ancora prima di incontrarti" - Manuela Chiarottino



Editore Rizzoli - You Feel
Pagine 146
Prezzo ebook 2,49 EURO
Anno prima edizione 2015
Genere Romanzo Rosa


Gioia è una ragazza delicata e solitaria, che tra due

genitori distanti e le insicurezze dell’adolescenza fatica a trovare uno spazio in cui crescere forte. Solo quando Massimo – il ragazzo più bello del paese, proprio lui – inizia a farle la corte, Gioia si scopre per la prima volta affamata di vita, e attraverso il suo sguardo impara a vedersi bella. La drammatica fine della loro storia la spinge a un folle tentativo di replicare la magia del primo amore, idealizzandolo. Ma è proprio rincorrendo l'idea di un sentimento che l'ha appena sfiorata, senza davvero avvolgerla, che per Gioia inizia la vita vera. Con incontri autentici, complessi, ed emozioni per cui forse potrà di nuovo batterle forte il cuore.
Un new adult emozionante, una storia d’amore intensa, la prova che l’amore non muore mai.

Incontriamo per la prima volta Gioia quando ancora è una bambina e tenta di diventare invisibile agli occhi della nonna.
È così che ha trascorso la sua infanzia, passando inosservata agli occhi di tutti, anche a quelli dei suoi genitori.
Gioia è come un’ombra bisognosa di affetto, rinchiusa in sé stessa, con un disperato bisogno di essere vista e amata.

"A un certo punto si cresce e non c'è più nulla dietro cui ci si può nascondere."

I suoi giorni passano solitari fino a quando Massimo, un ragazzo spigliato e con la voglia di divertirsi e di vivere appieno, la vede e la fa sua, donandole tutte quelle attenzioni di cui lei aveva bisogno.


Nonostante non fosse un ragazzo fedele ed innamorato, a Gioia bastava averlo accanto, per soddisfare il suo bisogno di sentirsi finalmente importante.
Massimo fu il primo di amore di Gioia, il suo primo bacio, la sua prima volta, la prima persona che le fece credere veramente di poter essere amata, di aver trovato una persona per cui lei contava.

"E' sempre stato come se una parte di me volesse scomparire e l'altra invece volesse urlare al mondo non solo che c'ero anch'io ma anche che meritavo di esserci, che meritavo di più ..."

Questo momento idilliaco, però, durerà solo sotto il sole caldo di due estati, al termine delle quali, mentre Gioia aspettava un misterioso ma tanto atteso regalo di Massimo, lui rimane ucciso in un incidente in moto e il suo cuore viene donato a un altro ragazzo.


Gioia, impazzisce a causa dell’amore che provava per Massimo, non si dà pace, si rinchiude di nuovo in sé stessa, soffre fino a quando non riesce finalmente ad incontrare Angelo, il ragazzo che nel suo petto porta quello che era il cuore di Massimo.
Come agirà Gioia ora? Come si comporterà con Angelo?


Una disperata ricerca dell’ultimo brandello di un amore ormai perduto.
Una storia intrisa della forza di chi non vuole arrendersi, del coraggio di chi vuole andare fino in fondo, della tenacia di chi non vuole perdere chi ama.
Un romanzo sensibile, quasi un esempio, una testimonianza del disagio che prova chi ogni giorno deve combattere contro il proprio corpo e la solitudine profonda che lo attanaglia.
Una storia d’amore che attraversa la psicologia umana. Curiosa l’incongruenza tra il nome della protagonista, Gioia, e la sua indole malinconica e depressa.
Un testo fluido, non eccessivamente ricco di descrizioni, narrato con un fare un po’ sbrigativo, ma particolarmente curato per quanto riguarda la psiche dei personaggi principali.
Un libro a cui assegno:
3 stelle su 5

Dal libro:

- "Il mio obiettivo primario era un altro, e niente e nessuno mi avrebbe distratta, neanche la vita."

- "Ma io volevo solo ritrovare qualcosa che mi apparteneva, volevo smembrare una parte del suo cuore e avere il mio responso."

- "Ti vedrei brillare come una stella nella notte, anche in pieno giorno."

- "D'altra parte era scritto che io avrei fatto l'amore con lui, perchè lui era per me il mio primo grande amore."

2 commenti:

  1. Uuuh mi ispira! Io adoro i New adult! :3

    RispondiElimina
  2. Ma comunque le tue tre stelline non mi piacciono! Mi smonti così! ahahhaha

    RispondiElimina