Translate

giovedì 23 aprile 2015

"Di donne e altre onde" - Roberta Lagoteta


Editore TALOS
Pagine 200
Prezzo cartaceo 15,00 EURO 
Anno prima edizione 2015
Genere: Narrativa italiana 

Azzura e Dafne. Due donne. Due protagoniste, non solo di questa densa storia, ma delle loro vite, fatte di grandi avvenimenti e di innumerabili particolari che riporto come indizi di un movimento in corso, fughe possibili che si posizionano parallelamente alla traiettoria centrale. I fatti narrati partono dagli anni Novanta e si sviluppano fino ai giorni nostri, descritti dalla voce di Azzurra Serra, in una rievocazione dolorosa quanto necessaria. Scandagliate nel loro intimo, ma non rigidamente delineate, Azzurra e Dafne si scompongono, come corpi in caduta libera, come polvere scostata dal respiro di un cassetto, come fantasmi quotidiani. Due donne che decidono, che si affermano, pur con percorsi tortuosi, pur con scelte estreme, o estremamente ironiche, come uniche detentrici del diritto di disporre delle proprie persone. Al loro fianco altre donne, oppure onde, come suggerisce il titolo: Filippa, Colette, Giulia, ognuna con un segreto scomodo, che non esiterà però a svelare quando la storia lo richiederà […]”
 






Non tutti i libri iniziano con “C’era una volta”, non tutti i libri hanno il lieto fine, non tutti i libri hanno eroine forti e giuste.
A volte, ci sono libri reali.
Azzurra e Dafne sono due protagoniste dall’esistenza difficile, combattono contro la società, contro sé stesse, contro la vita.
Immerse in un mondo crudele, le esistenze di Azzurra e Dafne sono tormentate da fantasmi pressanti, debilitanti e ostinati.
Perennemente alla deriva, le due protagoniste combattono ogni giorno per poter continuare a nuotare, a volte perdono, a volte si scoraggiano, a volte si arrendono, ma non sono ancora affogate.
Aspettano quella scintilla che le spinga a combattere di nuovo, a non lasciarsi andare, a non perdere la battaglia contro sé stesse.
Il testo è raccontato da Azzurra, una ragazza problematica dall’ampio dizionario e dai pensieri profondi.
Un libro pieno di poesia, femminile, reale, intriso di persone perse nella confusione della vita.
Un libro d’impatto che ti stupisce per la sua narrazione cruda, senza veli che lo alleggeriscono.
Un testo perfetto per chi vuole guardare in faccia il lato peggiore della vita, per chi vuole capire il motivo per cui ci si lascia andare, per chi, come Azzurra e Dafne, si è perso in una foresta piena di vie da seguire.
Un libro a cui assegno:
3 stelle su 5

Dal libro: 

- "Bambina, ti accorgi di esserlo quando ti regalano una borsa e non ha niente da metterci dentro, e te l'appendi al collo come una sciarpa."

- "Silenzio. Spaventoso, ridicolo silenzio."

- "Il punto è: ci siamo drogati perchè non aveva alcuna importanza."

- "Intuivo l'inutilità del voler cambiare le cose e le persone e la vanità della vita stessa: niente aveva un fine, tutto aveva una fine."

14 commenti:

  1. Non è proprio il mio genere D:

    RispondiElimina
  2. Ecco xD Anche perchè io mi baso molto sulle recensione se un libro non mi colpisce subito, e queste 3 stelline su 5 ne sono la conferma..

    RispondiElimina
  3. Sono d'accordo! Ci sono talmente tanti libri che voglio leggere e altri che devo ancora scoprire che, se non mi affidassi ale recensioni, non saprei veramente come fare! XD

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche perchè la lista aumenta sempre! E non posso permettermi di aggiungere libri a "caso".
      Se li aggiungo in lista è perchè ne devo essere sicura al 100%

      Elimina
    2. ^_^ sono così anch'io! Ho già una lista infinita, se poi continuo ad aggiungere libri... (cosa che faccio XD)

      Elimina
    3. Le recensioni mi aiutano tantissimo a inserire nuovi libri in lista e a toglierne di altri. Non acquisto mai senza prima sentire i pareri degli altri.

      Elimina
    4. Pure io! Soprattutto adesso che non ho troppi soldini da spendere (ahimè!)

      Elimina
  4. Il titolo lo trovo molto bello e anche la trama non mi sembra per niente male!

    RispondiElimina
  5. sicuramente un libro che esce dal coro
    ma in certi contesti il 'vissero felici e contenti' stona e fa perdere d'intensità

    RispondiElimina
  6. la trama è carina ma sinceramente non tanto da invogliarmi a leggerlo

    RispondiElimina
  7. Uh sembra carino! Anche se dalla tua recensione sembra un libro "pesante".. forse ci sono momenti e momenti per leggerlo!

    RispondiElimina