Translate

domenica 4 ottobre 2015

Via il vecchio, benvenuto il nuovo?

Per la rubrica: 


La sfida del secolo: ebook contro cartaceo.
Il nuovo contro l’antico, il moderno contro la tradizione.
È destino che l’ebook conquisti il settore letterario, oppure è solo una moda passeggera?
Per secoli i libri cartacei hanno vissuto indisturbati tra le librerie dei Lettori, non hanno mai subito cambiamenti, non sono mai stati rinnovati, stessa forma, contenuti diversi ma la medesima anima fatta di emozioni ed inchiostro.
Anche per i cartacei, però, è giunto il momento di rivoluzionarsi.
Basta alberi tagliati, ora i libri sono in formato digitale e vivono solo grazie all’elettricità.
Centinaia di copie rinchiuse nel piccolo spazio di un ebook reader, basta librerie stracolme, ora serve solo una custodia.
I Lettori non dovranno nemmeno più preoccuparsi di muffa, umidità ed acqua. Gli ebook sono molto più resistenti, a meno che non vi cadano per terra, allora sì che non rimarranno illesi come i buon vecchi libri.
Utilizzare gli ebook significa leggere comodamente anche di notte, non fare più le file alla cassa delle librerie, e non doversi più alzare dal divano per comprare un nuovo libro. Non per niente, gli ebook sono stati definiti i libri per i pigri!
Insomma, gli ebook sono comodi, pratici ed economici ma decisamente asettici.
Il massimo dell’emozione che potete avere da un ebook reader è una tenue scossa elettrica che vi farà venire a malapena la pelle d’oca!
Non profumano di carta appena stampata, non vi solleticano le dita con la loro rugosità o con la loro estrema delicatezza. E se si scaricano? I cartacei non hanno mai avuto il problema della batteria, fanno il loro lavoro senza mai fermarsi, impassibili ed estremamente puntuali, non mancano mai un giorno!
Inoltre, gli ebook sono una grande scocciatura per i collezionisti di segnalibri, perché rimangono automaticamente fermi sulla pagina che si stava leggendo, e non perdono quasi mai il segno.
Per gli occhi, poi, non sono un gran toccasana, per quanto la tecnologia abbia fatto passi da giganti, non ha ancora risolto definitivamente il problema dell’affaticamento degli occhi; gli ebook fanno bene al nostro portafoglio, ma non alla nostra vista.
Ma vi dico di più!
È stato scientificamente provato che leggere su cartaceo permette alla nostra mente di concentrarsi di più, in quanto è più interattivo e concreto di un ebook.
Volete poi paragonare l’aspetto scialbo e anonimo di un ebook reader con quello colorato e artistico di una libreria?
E proprio per quest’ultimo motivo, vi dico che finché non avrò ricoperto ogni muro di casa con tonnellate di libri, per nessuno motivo, smetterò di comprare libri veri, antichi, forse un po’ ammuffiti, ma ricchi di vita ed emozioni.
Per una volta, continuerò a seguire la tradizione.

6 commenti:

  1. Ciao Claudia, bellissimo post! Allora, io possiedo un e-reader Sony, rosso metallizzato, bellissimo, molto trendy, e quando l'ho acquistato tre anni fa ero gasatissima, la lettura digitale mi piaceva moltissimo, in più ho recuperato la bellezza di 2000 epub e per un anno circa l'ho addirittura preferito ai cartacei. Poi l'esaltazione si è esaurita...il profumo della carta e dell'inchiostro ha iniziato a mancarmi, aggirarmi in libreria e uscirne con la borsa piena e il portafoglio vuoto pure...è inutile, faccio una fatica a leggere in digitale adesso e anche se possiedo un determinato libro in versione epub, e desidero ardentemente leggerlo, aspetto finchè non posso acquistare il cartaceo, è più forte di me e il mio vecchio amore ha prevalso sul nuovo stile di lettura. Se un libro non mi convince del tutto e voglio leggerlo comunque, allora leggo l'epub. Non ho vizi, lavoro tutto il sacro santo giorno, qualcosa bisognerà pure che me la conceda no? Ecco io scelgo di viziarmi con tanti libri, rigorosamente di carta! :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Oh quanto ti capisco! Anch'io quando leggo in ebook e trovo un libro che mi è piaciuto particolarmente lo voglio anche in cartaceo. Insomma, vederlo nella mia libreria me lo fa apparire più reale. E' come collezionare sogni, se li vedi in bella mostra è più facile credere che siano reali.

      Elimina
  2. Io sono molto tentata dal reader e penso che il momento della lettura non cambierebbe poi così tanto, ciò che mi sconvolge è il dopo: spesso mi capita di andare a ripescare un libro dalla libreria e di andare a rileggere qualche nota o qualche passo sottolineato...sono certa che se leggessi ebook non lo farei più. E poi un'altra cosa che mi sconvolge è il pensiero che la mia bella collezione di libri rimarrebbe per sempre al punto in cui è adesso, non crescerebbe più...anch'io per adesso rimango fedele alla carta...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io sono molto più affezionata ai miei cartacei che agli ebook.
      I libri in formato digitale non mi suscitano emozioni.

      Elimina
  3. cartaceo tutta la vita, sepmre

    RispondiElimina
  4. Io l'anno scorso ho scritto un tema di italiano su questa tematica, peccato che non sia capitata in maturità, sarebbe stato fantastico.
    Ti dirò, per me entrambi hanno pregi e difetti e concordo con ciò che c'è scritto nell'immagine.
    Insomma, io adoro entrambi. Sicuramente i libri cartacei sono meravigliosi ed è bellissimo vederli in casa propria sulle varie libreria, leggerli, sfogliarli, tenerli in mano. Ma prima di tutto non è possibile comprare tutti i libri in versione cartacea, usciremmo davvero di casa e poi c'è anche da dire che talvolta il costo degli ebook è più conveniente. E per i viaggi, ad esempio, almeno non abbiamo il problema dello spazio. Io mi porto sempre dietro il tablet e so di non avere problemi, anche se è da ricaricare!

    RispondiElimina