Translate

domenica 21 luglio 2019

Recensione: "Piacere di conoscerti" - Rachel Winters


Editore Mondadori
Pagine 344
Prezzo ebook 10,99 €
Prezzo cartaceo 16.15 €
Genere Romanzo Rosa

Ultimamente i romanzi rosa mi annoiano perché le trame, alla fine, seguono tutte lo stessa schema, tanto da risultare scontate e prevedibili. "Piacere di conoscerti" però mi ha stupita, a differenze degli altri libri di questo genere, non sono riuscita a prevedere la fine, se non negli ultimi capitoli. Tutto è nelle mani della maldestra protagonista. 
L'inizio mi ha lasciata un po' titubante. 
Anziane signore maleducate e volgari.
Madri che non hanno idea di cosa significhi "educare i figli".
Bambini dal vomito così potente da far finire un altro bimbo a mezzo metro di distanza. 
A scatenare tutto questo è Evie.
Lei lavora in un'agenzia per sceneggiatori (anche se il suo sogno è essere una sceneggiatrice). Aspira a diventare un'agente ma, per ora, è solo un'assistente. 
La sua agenzia, però, sta rischiando di fallire.
Se il premio Oscar per la miglior sceneggiatura, Ezna Chester, non completa una sceneggiatura per la casa di produzione con cui ha firmato un contratto, dovrà restituire i soldi dell'anticipo e di mezzo ci andrà anche la sua agenzia, quella per cui Evie lavora.
Evie decide allora di fare un patto con Ezna.
Visto che lui afferma che le commedie romantiche non sono veritiere (e che quindi lui non può scriverla perché lui scrive solo di fatti reali, concreti), Evie dovrà dimostrargli che anche nella realtà si può incontrare l'amore con un meet-cute*, che gli "amori da film" esistono davvero.
Il patto è stretto, le regole chiarite, Evie non deve fare altro che organizzare meet-cute ispirati ai film e trovare il grande amore ... semplice, no?!
E qui torniamo alla scena iniziale che tanto mi ha lasciata perplessa. Uno dei tanti incontri organizzati da Evie. 
La nostra sfortunata protagonista colleziona una figuraccia dietro l'altra, cosa che rende la trama ironica e la narrazione più scorrevole e piacevole.
Alcune scene, però, mi hanno lasciata perplessa (l'inizio ad esempio, è un po' forzato). 
Il libro ha un'impostazione di testo particolare. 
Ogni capitolo inizia sotto forma di sceneggiatura e nel testo, sono spesso presenti le chat tra Evie e i suoi amici (J.E.M.S.).
I personaggi sono ben delineati e quasi tutti sono forniti di un pizzico di umorismo.
Ezna è affascinante quanto sfrontato, è "un idiota, ma pur sempre un idiota innegabilmente attraente".
I J.E.M.S (Jeremy, Evie, Maria e Sarah) sono invece un gruppo di amici particolarmente unito e affiatato.
Tra loro, il mio preferito è Jeremy, ha sempre pronta una battuta pungente.
"Piacere di conoscerti" è una lettura fresca, frizzante, divertente, un libro perfetto per l'estate.
Sono felice di avergli dato un'opportunità, mi ha regalato più di un'ora lieta.
Assegno al libro: 

4 Wonderland su 5

*Meet-cute: una scena in cui le due persone che formeranno una futura coppia romantica si incontrano per la prima volta, in genere in circostanze insolite, umoristiche o "carine".

1 commento:

  1. L'avevo adocchiato, sin da quando seppi dell'uscita imminente ☺️ sono contenta di constatare che a quanto pare si tratta di una lettura per cui ne vale la pena ☺️

    RispondiElimina