Translate

giovedì 5 maggio 2022

Recensione in Anteprima: "La bibliotecaria di New York" - Marie Benedict e Victoria Christopher Murray


Pagine 384
Genere Narrativa

Originalità 8
Trama 8
Narrazione 8
Personaggi 9
Descrizioni 8
Ambientazione 8

Voto Finale: 8

1905.
Belle vive nel New Jersey da cinque anni. Lavora nella biblioteca di Princeton.
Un giorno però il suo nome viene fatto al famigerato finanziere J. P. Morgan. Lui ha costruito una biblioteca privata a New York e cerca appunto una bibliotecaria.
Belle da Costa Greene deve giocarsela bene, soprattutto deve tenere segreto il suo vero cognome, quello legato alle sue origini. Lei si spaccia per bianca ma non lo è, anzi è figlia di uno degli attivisti più solerti a quell’epoca.
Quando Belle viene assunta ed inizia a comparire su tutti i giornali… se si sapesse delle sue origini, per via delle leggi segregazioniste rischierebbe il linciaggio.

👉 La storia reale (ovviamente le autrice hanno dovuto lavorare un po’ anche di fantasia) delle due anime che hanno costruito la Morgan library and museum.
La storia è affascinante proprio perché riporta alla luce due personaggi che si erano persi nel tempo. In particolare, ci parla della figura di Belle, donna coraggiosa e agguerrita che si è fatta valere in un mondo che la discriminava.

👉 Nel libro si parla del rapporto complesso con la sua famiglia, del padre attivista che li ha lasciati e della madre che li ha “trasformati” in bianchi per dar loro un futuro.
Il padre è il primo laureato di colore ad Harvard, professore, avvocato, lotta per la parità di diritti e non ha visto di buon occhio la scelta della moglie di farli passare per bianchi, per questo li ha lasciati, per continuare a lottare per un mondo più giusto. La moglie del resto ha fatto quella scelta solo per tenere al sicuro i figli e dare loro le stesse opportunità delle persone non di colore. La madre è dura con Belle, la sprona a studiare, a nascondere bene la sua identità, a non fare passi falsi.

👉 Anche il rapporto tra Belle e Mr Morgan è particolare, difficile da descrivere, le autrici lo hanno dovuto scrivere a modo loro partendo da un commento della stessa Belle e da qualche articolo di giornale. Belle ha bruciato tutte le lettere prima della sua fine.

👉 Una biblioteca piena non solo di libri rari ma anche quadri e cimeli preziosi di monarchi, artisti, inventori. Una raccolta unica che genera invidia tra i collezionisti. 

👉 Una storia affascinante che ricopre svariati anni, dal 1905 al 1948.
Le autrici sono state abili nel descriverla, la lettura scorre piacevolmente, animata da svarianti eventi, feste, aste, viaggi, incontri amorosi. Sono riuscite a rappresentare divinamente Belle, donna forte e audace e Mr Morgan, uomo autoritario e dalle idee non sempre condivisibili. 

2 commenti:

  1. Non conoscevo il romanzo, ma i libri che parlano di libri o sono incentrati nelle biblioteche mi affascinano moltissimo... smaltita qualche lettura, lo leggerò :)

    RispondiElimina
  2. Lo leggerò durante le vacanze alto adige www.buonoaltoadige.com

    RispondiElimina